institutional power


YouTube

YouTube

621968iscritti
69826575visualizzazioni video
 
  •  
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 secondo fa
    1_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] unfortunately, my site, on the Coptics martyrs? not: is: read by anyone! I am only a voice in the wilderness, as many Christians! Ecc.za, Director, Office of School Curia: Father and Archbishop. Obviously, I do not: want any trouble and: not: I want to give trouble to none! but, the climate of: secularism: that, you can breathe in the Italian school, is too strong: indeed, the Dean said: me: "you said to me that: you do the exorcist?" (distortion of my videos on youtube) I answer to him, "Fortunately, I not have this problem!", but the problem is: given also by some of my videos, that: I have on youtube. ... and: for this, I do not can help of it, because mine is an act of political conscience and Christian that I have on youtube, when I became aware of the terrible phenomenon of martyrdom:
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    19 secondi fa
    2_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] and of all persecution that Christians martyrs suffered, in all, the world! so even a parent or student, if, imprudent: if cheeky: he can relate himself: in Presidency, his ravings devoid of: context and precision, about, emotion, of: things that never happened in school. and that is: enough, to do alarm the Headmaster ... said me: "Of 100 things? Something real there will be!" That's why all those who are accused? are guilty anyway! and in this, he is also: correct, if it considers that for the exposition, of any teacher, I do not have to create in learners and their families, no action of disturbance, when this action, is an false act, of disturbance, objectively a false accusation, for the symptoms of an consciousness distorted. However, each Headmaster: obviously, look, instinctively,
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    30 secondi fa
    3_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] to any action, that, is for "protect" himself, in: reference to its responsibility, even if this reaction, can become: an irresponsible action as disproportionate, to the damage and: the suffering, that: may be caused: against the teacher, who is the injured party, in its espressione rights, as, violation of freedom of teaching! incidentally, is this the attitude of: almost all the headmasters of Italy! that is, a form of: hypocrisy and of: institutional cruelty against the teacher (craft at risk of heart attack, but, where, however, the worst risk is of end unemployed, and without hope of finding another job) teacher? as a ring, vulnerable, in the system, full of limitations and hypocrisies unprovable, and for that matter, that often: it is the only teacher, who, he is: given: in meal to situations of: difficulty
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    41 secondi fa
    4_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] (which, may be, of pupils, so personal, family, or limits institutional), but, as they arise: but, is always the pupil, which must be protected in all way! and it is for this reason that our system of education and training is forced to choose their own goals, always, lower, more lower! an additional problem, in this precious opportunity: that is the teaching of the Catholic religion in Italy: this is the reality of strong secularism and laicism: of the all institutions in: Italy. Which obviously clashes with the death penalty for apostasy, that governments, not only Muslims, have, also as communists. Unfortunately: this negative and fake, uncompromising, of secularism strong: it is the cultural dress of all our false democracies Masonic of the banKING seigniorage.
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 minuto fa
    5_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] They can become intolerant, for opposing yourself a Christian spirit, that it becomes transcendent and of course since, also to the school becomes transcendent on the cultural and historical: a doctrine that, not can deny, the transcendent and the supernatural as scientific data, and as, empirical reference! Until, there is, a church, down, horizontal, modernist social? this: can not Create a: problem!, but if the Church: she tries to express: his true identity transcendent, speaking of the Gospel, as, is been intense work, that, Jesus had to do with: the demons? or, the chip, that, was prophesied, already, in: Revelation 13, or the loss of: monetary sovereignty(about scientist Giacinto Auriti), and: then logically the loss of all: other sovereignty? is consequential! or, of: all the contradictions of the Theory of Evolution:
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 minuto fa
    6_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] 1. both, evidence intrinsic (for, the lack of: fossil of: transition, since, for this theory: that is to say, the endless attempts random: of the nature, and therefore, of how these fossils, transition, would be due: 90% of: all the fossils exist), that: evidence extrinsic (fossil evidence "neglected" as "polistrate fossil", etc. ..)[see: . evidence of creation, glen rose texas, museum ( creationevidence . org/)], about the theory of evolution, such as the problems themselves, that the genome (map of any type of living, that is persistent: in each cell) carry in him : if, then, you touch, the nerve: of the system, which shows its true face uncompromising, and: of: intolerance toward Christian components, more and more weakened and: marginalized,
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 minuto fa
    7_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] and: However, now, is a truth, which, it seems, no longer just a theological truth, that is, the creative act, of God, as is: just: described in Genesis, but now, a decent theory scientific (that is Creation), that: more to more, to fatigue, atheist laicists want to suppress, all a pattern of data that emerge more and more abundant in that direction! but the situation is further complicated if is: a teacher of religion, , like me, to speak of: these things, in: a state school .. then, are capable of: accuse you of: all and anything (generically). In fact, demonstration, or display of: this Christianity (Biblical and Scientific), are a clear denunciation of our institutional system of education, as, of that part of academic science that is increasingly at the service: of ideological objectives.
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 minuto fa
    8_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] here, because a: Headmaster, may invoke, an fake accusation, about, to the defense of boys: against a truth that: it becomes uncomfortable, if it is exposed scientifically, perhaps, the scientific and educational system, they are afraid of the truth?. Position that: becomes a denial of freedom of: speech and: of: teaching. That of: me, infact, is described: and documented: therefore, historically and: scientifically proven, as, if the truth, and: especially the Christian truth, in Species, is a threat to the formation of the boys! " you professor, believes in" fairy of the house "(ie, ghost)?" how not to answer, that this reality will never be a problem for a consistent Christian, declaring and demonstrating the superiority of Christ, against the spirit world!
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    1 minuto fa
    9_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] because silence means stifle the power of the Resurrection of Jesus Christ, which is in every Christian! Therefore, this "Masonic State is inconsistent with himself, if, on the one hand, making compulsory the crucifix in classrooms: as in: all public places (rather than as a symbol of: a religion, but as a symbol of: an Italian style[that has not shame to acknowledge its Christian roots, as the Europe of super traitors Masons have did!], and: as a representation of its secular values) and yet, this symbol of the crucifix, it should be almost disappearing, everywhere, however: just as is: finally is disappeared, also in my school completely! infact, this is evident is that State itself, which has no estimate of its own laws!
  • thecopticmartyrs2 
    thecopticmartyrs2 ha pubblicato un commento 
    2 minuti fa
    10_10.[Masonic intolerance (institutional power) against Christian values ​​transcendent] indeee, instead, to denounce me, against the State, are the institutions, that are to report: denounce: me, for not have me, the guilt of not being a Christian modernist! @King Saudi Arabia --> you can save Islam (from an: 3 ° WW nuclear: against him), and prevent the total victory of the Satanists: 666 IMF talmud, only, if, you protecting, the true Christianity (that is,that one of is your martyrs), against the Masonic false Christianity and Western modernist of talmud for kabbalah 322 NWO!



c) La legge "del più forte"
Darwin attribuiva l'evoluzione progressiva alla "lotta per la vita", che permetterebbe "la sopravvivenza
dei più forti". In questo modo la selezione naturale eliminerebbe i più deboli e favorirebbe i più 'evoluti'.
Il ragionamento è fondato, e rimane valido fintantoché viene applicato soltanto nell'ambito di una
determinata specie. È vero che in seno a una data popolazione, i più deboli sono eliminati, ma ciò in
generale non provoca nessuna "evoluzione" notevole! Si conserva il tipo medio e nient'altro. Ancora
meno sarebbe possibile giustificare così il passaggio da una specie a un'altra. In quanto alla modifica
degli organi, o ancor più, alla formazione di un nuovo organo mediante questo processo, meglio non
pensarci se vogliamo rimanere seri.
Si capisce come Darwin stesso abbia potuto
dubitare della efficacia delle proprie spiegazioni,
quando scrive all'amico A. Gray: 'Quando penso
all'occhio, ne ho la febbre!'. Aveva ragione; la
comparsa di un organo così complesso
mediante il gioco "variazione-selezione" era
troppo inverosimile.
Nello schema:L'albero genealogico della vita secondo la
teoria evoluzionista, basato sulle mutazioni.
d) Le mutazioni
Dai tempi di Darwin, innumerevoli scoperte
sono state fatte nel campo della biologia.
Nessuna di esse favorisce la tesi evoluzionista
(vedi schema).
Da Mendel è risaputo che l'ereditarietà
obbedisce a leggi statistiche rigorose che permettono a una specie di variare all'infinito per quanto
riguarda i caratteri secondari, pur conservando sempre il tipo medio.
Da Weismann si è appreso che i caratteri acquisiti non sono ereditari.
Da Watson e Crick sappiamo che i caratteri genetici sono portati dai cromosomi lungo catene di acido
desossiribonucleico (DNA) e che si trovano così 'codificati' in anticipo in modo precisissimo, in quanto
questi geni possiedono una stabilità notevole che non permette nessuna variazione rilevante
nell'ambito della specie, se non per mutazione (vedi punto 3.: Il DNA: la programmazione della vita).
Mutazione! La parola è lanciata... La scoperta delle mutazioni risale al 1901. Fu il botanico De Vries
che, per primo, mise in evidenza la comparsa brusca di caratteri nuovi nell'ambito di una specie.
Questi caratteri nuovi nascono con l'individuo chiamato mutante o mutato e sono ereditari,
caratteristici di una nuova "sottospecie".
A quell'epoca non si sapevano spiegare plausibilmente le mutazioni.
Non si poteva fare altro che prenderne atto. Divenne immediatamente
l'arma principale degli evoluzionisti. Avevano finalmente tra le mani il
motore dell'evoluzione, la causa
delle modificazioni che, durante
millenni, avevano trasformato,
tramite scatti successivi, le
specie e fatto evolvere il Vivente verso forme sempre più
complesse, più perfezionate, dalla cellula al protozoo, dal
protozoo al metazoo, ai vermi, agli scorpioni, agli squali, ai
dinosauri, ai mammiferi, agli antropoidi, all'uomo infine. Era la
porta aperta per la salvezza del trasformismo.
Era d'altronde l'unica, poiché si sa da tanto che le sole
12
variazioni rilevanti trasmissibili sono le mutazioni. Tutta l'evoluzione deve dunque passare per forza da
questa porta aperta. Purtroppo questa porta appena aperta si richiude, se si vogliono osservare le
cose come stanno realmente. Nel 1919, il biologo Th. Morgan dimostrava, mediante le sue celebri
esperienze su un gran numero di generazioni di mosche dell'aceto (Drosophila melanogaster), che le
mutazioni presentavano i caratteri seguenti:
1. Sono rare; la frequenza delle mutazioni è così debole che esse riguardano solo un individuo
su 1.000, raramente uno su 100 nei casi estremi.
2. Sono "disparate"; cioè le modificazioni introdotte non vanno tutte nello stesso senso. Non
sono orientate, ma fortuite, e di conseguenza poco evolutive.
3. Sono privative; modificano il patrimonio ereditario genetico mediante soppressione, atrofia o
raddoppiamento degli organi. In questo modo si possono ottenere mosche senza ali, con due
paia di ali o con ali deformate. Nessuna di queste modifiche fa progredire la specie (neanche
un raddoppiamento di ali, perché la mosca non può volare, neutralizzandosi le sue ali a
vicenda).
4. Sono per la maggior parte minime; e non riguardano generalmente che i caratteri secondari
delle specie; colore della pelle, peli, forma e colore degli occhi, ecc.
5. Nel caso contrario sono quasi sempre letali; cioè una variazione troppo grande (soppressione
di organo, per esempio) provoca la morte del soggetto mutante.
6. Nessuna può creare un organo nuovo; si è potuto in seguito saperne le ragioni. Sono di
origine biochimica: le mutazioni sono il risultato di alterazioni di cromosomi, consecutive a
modificazione riguardante la catena di DNA che codifica il patrimonio genetico dell'individuo.
Foto: Un gene
Per farla breve, le mutazioni non creano niente, non fanno che
modificare un dato. Le modificazioni sono d'altra parte quasi
sempre pregiudizievoli al mutante. Quando permettono la sua
sopravvivenza, esse non lo favoriscono. In nessun caso la
mutazione può creare un organo nuovo, ancor meno una specie
nuova. Si tratta più di un FRENO che di un motore.
Foto: Rara mutazione genetica
di un pollo a quattro ali (soggetto impagliato)
Voler far progredire il treno dell'evoluzione con un tale
procedimento, significa volere che un piccolo motore che tira
qualche volta in avanti (le mutazioni favorevoli) possa far
progredire in questa direzione un treno enorme i cui freni
sarebbero tutti quanti generalmente bloccati (stabilità della
specie), e che un motore molto più potente (le mutazioni
sfavorevoli) tiri molto più spesso verso l'indietro.
Che cosa ne verrebbe fuori? Un movimento certo ma
all'indietro, e non in avanti. È ciò che è successo, secondo
noi. Non contestiamo il fatto che vi sia stata nel corso degli anni una certa evoluzione compiuta tramite
mutazioni conosciute e studiate in laboratorio. Ma crediamo, conformemente alle leggi della biologia,
che queste mutazioni hanno provocato una evoluzione regressiva e non progressiva. Una evoluzione
che non ha superato il quadro della specie. Una evoluzione che è una regressione, una
degenerazione nella quasi totalità dei casi. Questo modo di vedere avrebbe almeno due vantaggi:
1. Sarebbe in perfetta armonia con tutto ciò che si sa delle leggi naturali in biologia, in genetica e
finanche in termodinamica (vedi punto 6.: Le Leggi della Termodinamica). Si sa, per dirlo in
poche parole, che in un sistema chiuso l'energia non può che conservarsi o degradarsi. Il
disordine può nascere dall'ordine e non l'inverso. Le mutazioni atrofizzano o sopprimono, non
possono creare.
2. Sarebbe in perfetta armonia con il messaggio stesso della Bibbia. Il mondo è stato creato da
Dio perfetto. Da quel momento non ha cessato di degradarsi, fino a quando Dio creerà un
mondo nuovo in cui la degenerazione e la morte non esisteranno più.
13
A proposito di quest'ultima affermazione, abbiamo visto che Cristo "tiene insieme tutto l'universo"
(Colossesi 1:17 - TILC) e contrasta quindi la degenerazione presente nella materia lasciata a se
stessa. Tuttavia ha creato l'uomo a Sua
immagine, e quindi libero e padrone di
scegliere il proprio destino. Il terzo
capitolo della Genesi ci racconta come
la prima coppia decise di accettare le
insinuazioni di Satana nei riguardi di
Dio, introducendo nel mondo il peccato
e la morte. Il Signore promise in
quell'occasione un Salvatore che
avrebbe offerto una possibilità di
salvezza. Gesù ha sacrificato la Sua
vita per amore delle Sue creature e
promette un mondo nuovo, restaurato
completamente.
Ecco perché la teoria dell'evoluzione e il concetto di creazione perfetta presentato nella Bibbia sono
totalmente inconciliabili: non esiste un evoluzionismo cristiano.
L'evoluzione è una filosofia (poiché abbiamo visto che non è una teoria scientifica) che insegna un
passaggio dal caos verso la perfezione mediante un'evoluzione della specie: niente bisogno di un
Salvatore quindi.
Il messaggio biblico presenta invece un cammino inverso: la perfezione della creazione divina
precipita verso il caos del peccato (degradazione della specie): bisogno del Salvatore che offre la
salvezza e promette una restaurazione completa.
5) IL DILUVIO
"Allora Dio disse a Noè: Mi son deciso: la fine di tutti i mortali è arrivata, poiché la terra, per causa
loro, è piena di violenza; ecco, io li distruggerò insieme con la terra." (Genesi 6:13 - P)
"E avvenne, al settimo giorno, che le acque del diluvio furono sopra la terra; nell'anno seicentesimo
della vita di Noè, nel secondo mese, nel diciassettesimo giorno del mese, proprio in quel giorno,
eruppero tutte le sorgenti del grande oceano, e le cataratte del cielo si aprirono..." (Genesi 7:10-11 -
P)
Il valore del racconto biblico
La realtà del diluvio e la sua estensione mondiale sono
sempre state considerate delle verità fondamentali sia
da Gesù che dalla chiesa primitiva.
Attualmente, davanti al trionfo della tesi evoluzionista,
le chiese cristiane hanno generalmente aggirato la
difficoltà dicendo che il testo della creazione è solo un
mito ed il racconto del diluvio una leggenda che si
ritrova, in diverse forme, presso tutti i popoli ed in
particolare presso i Babilonesi ed i Sumeri, come pure
gli Assiri.
Ora, ben lontano dall'essere un argomento contro
l'autenticità del racconto del diluvio, questa molteplicità
di tradizioni presso i popoli che rappresentano i diversi
rami dell'umanità post-diluviana, depone in favore del
racconto biblico.
Questo vuol dire che il diluvio universale fu un
avvenimento reale, il cui ricordo si è perpetuato nei
popoli. Tuttavia, tutti concordano sul fatto che vi è una grande differenza fra il racconto biblico,
14
essenziale, conciso, sobrio, chiaramente scritto con intenzioni d'ordine storico e pedagogico, e le
leggende degli altri popoli, palesemente "romanzate". Non c'è dubbio che la Bibbia parli di un diluvio
universale e non locale. La durata stessa del diluvio - più di un anno e non 40 giorni, come si crede
comunemente - e le dimensioni dell'arca di Noè si spiegano solamente nel caso di una catastrofe
mondiale.
Dunque, i fossili che, per gli evoluzionisti, sono la traccia dell'evoluzione, per noi in una prospettiva
radicalmente opposta rappresentano le vestigia delle forme di vita antidiluviana. Questi resti, dispersi
sulla totalità della Terra, confermano l'idea di un diluvio universale. Esistono oggi le tracce di questo
diluvio? La natura certo presenta dei fatti: come
saranno interpretati questi fatti dalla scienza, nei suoi
molteplici settori, questo è un altro discorso.
Facciamo un esempio.
L'attualismo (altrimenti detto "uniformismo"), in
geologia soprattutto, vuole che il presente sia la chiave
del passato. Ciò che porta a pensare, per esempio, che
il letto dei fiumi sia stato scavato da questi stessi fiumi
con un ritmo erosivo simile all'attuale; che i depositi di
sedimento che costituiscono oggi gli strati (che si
vedono chiaramente quando i lavori stradali sezionano
i fianchi delle montagne) si siano formati in un periodo
estremamente lungo, solo perché i depositi marini
attuali si formano molto lentamente; che le pieghe di
queste stesse montagne e il loro rilievo modellato
dall'erosione siano frutto di un processo estremamente
lungo e lento solo perché le variazioni osservate oggi
sono minime...
Noi non crediamo a tale regolarità... Là dove
l'attualismo tende a ritenere che sia stato il fiume ad
avere scavato la sua fossa, crediamo piuttosto che si
sia trattato di fenomeni catastrofici (faglie, fessure,
cedimenti, ecc.) che hanno provocato le condizioni
propizie per la formazione di una valle nella quale, in seguito, si è adagiato un fiume. In altri termini,
mentre l'attualismo attribuisce i rilievi e i paesaggi attuali all'azione continua di fenomeni oggi
misurabili, noi li imputiamo a fenomeni
violenti, brevi, ma passati. Le condizioni e
gli agenti fisici attuali li hanno soltanto
ritoccati, come un fiume modifica la valle
glaciale che occupa, come il gelo ritocca il
profilo dei rilievi montagnosi che non ha
creato.
Per chiarire meglio: anche gli scienziati
cristiani si attengono al principio che le cose
si svolgono di fatto secondo criteri di
uniformità. A differenza degli scienziati atei
però, ammettono che Dio può intervenire e
interrompere quando vuole questo svolgi-
mento uniforme, come ha fatto nel diluvio
della Genesi.
L'uniformismo più rigido e ortodosso non concede che sia ammissibile un'interruzione di questo tipo, e
ha bisogno perciò, per spiegare l'esistenza di ciò che vediamo oggi, di miliardi di anni. Ogni tipo di
catastrofe, compreso un diluvio universale, è per loro inammissibile.
D'altra parte, gli scienziati credenti pensano che una catastrofe come il diluvio spiega molto meglio i
grandi mutamenti avvenuti in natura; spesso questi restano un mistero per gli atei che, come
vedremo, cadono a volte in contraddizione, nel tentativo di trovare una soluzione.
15
Presentiamo alcuni argomenti a favore del diluvio biblico:
a)
b)
c)
d)
e)
f)
g)
h)
i)
Gli altopiani basaltici
Le rocce sedimentarie
Le rocce metamorfiche
L'orogenesi
L'erosione
Le rocce combustibili
La stratigrafia
Paleontologia e stratigrafia
L'arca di Noè
a) Gli altopiani basaltici
(Basaltico: detto di rocce formate da lava solidificata; da basalto = lava molto fluida a raffreddamento
lento, salvo in superficie)
In diverse parti del mondo si trovano altopiani
basaltici che sono molto spessi (a volte più di
2.000 mt.) e che si estendono su superfici
molto considerevoli (Irlanda: 100.000 kmq. -
Brasile: 900.000 kmq., ossia circa due volte la
superficie della Francia!).
In totale questi altopiani basaltici ricoprono
sulla Terra una superficie di più di 2 milioni di
kmq. Ebbene non c'è traccia di erosione (in
geologia: asportazione del terreno dovuta
all’azione di agenti atmosferici, di acque, di
ghiacciai) che abbia potuto modellare queste
enormi masse di basalto!
Questo si spiega solo con una formazione
rapida: enormi masse di basalto in fusione
(magma) sono salite dalle profondità della
Terra attraverso gigantesche crepe della
crosta terrestre. Un cataclisma come il diluvio
spiega molto bene un tale fenomeno. Questo
genere di vulcanismo non è osservato in nessuna
parte del globo, oggi, perlomeno in una simile scala.
Non è possibile dunque spiegare l'esistenza di
questi altopiani sulla base dei fenomeni osservabili
in natura.
b) Le rocce sedimentarie
(Strati costituiti dal deposito sulla superficie terrestre
di particelle sparse di materiale o di sostanze
chimiche, in genere trasportate dall'acqua)
I geologi evoluzionisti danno per certo che le rocce
di questo tipo si sono formate nel corso di milioni di
anni, ma vi sono diversi argomenti contro questa
tesi:
1. Tronchi pietrificati spesso attraversano comple-
tamente uno o diversi strati di rocce, il che fa
pensare piuttosto ad una sedimentazione rapida
(sedimentazione = in geologia: fenomeno per cui
materiali sospesi in acque fluviali e marine si
depositano sul fondo).
16
Come avrebbe potuto restare intatto un tronco d'albero milioni di anni, nell’attesa di venire
completamente ricoperto dai sedimenti che poi formarono i vari strati di roccia?
2. Ammassi di animali fossilizzati ammucchiati a volte negli stessi posti. Esistono dei veri e propri
cimiteri fossili. In Sudafrica, per esempio, ne esiste uno che contiene fossili di circa 800 miliardi di
vertebrati.
Queste enormi quantità di animali possono essersi fossilizzate solo a causa di un'immane catastrofe
(come il diluvio). Infatti, soltanto una sedimentazione rapida e massiccia avrebbe potuto preservarli
dalla distruzione che elimina tutti i cadaveri (la putrefazione inizia subito dopo la morte, come mai
sono riusciti a pietrificarsi questi fossili nel corso di migliaia di anni?) (vedi nota in fondo allo studio)
Il Prof. H.G. Coffin, del Geoscience Institute (professore di
paleontologia alla Andrews University nel Michigan, U.S.A.),
scrive che al momento del diluvio «è possibile che le correnti
che esistevano allora abbiano trasportato grandi quantità di
questi organismi e le abbiano concentrate in certe regioni.
Sono giunto alla conclusione che è questo il caso nella regione
di Cincinnati, negli Stati Uniti. Lì troviamo diverse centinaia di
metri (di spessore) di organismi marini così strettamente
ammassati gli uni agli altri che praticamente non esiste
materiale di cementazione. Ciò per un'estensione di 80 km
attorno a Cincinnati, il che rappresenta un fantastico accumulo di creature marine.»
3. Le immense distese di depositi sedimentari orizzontali che si succedono gli uni agli altri senza
traccia di erosione fra uno strato e l'altro, si spiegano soltanto se questi depositi si sono effettuati
rapidamente.
4. Sull'altopiano del Tibet furono trovati 468.750 kmq. di
sedimento di centinaia di metri di spessore a 2.000 metri di
altezza.
Solo il ritiro delle acque del diluvio che avevano coperto tutte
le cime della terra (che a quel tempo dovevano essere
notevolmente più basse) potevano depositare a quell'altezza
e su un'area così vasta un tale spessore di detriti:
"E le acque ingrossarono con grande forza
sopra la terra; e tutte le alte montagne che
erano sotto tutto il cielo furono coperte. Le
acque si alzarono quindici cubiti al di sopra
di esse; e le montagne furono coperte."
(Genesi 7:19-20 - ND)
"Le fonti dell'abisso e le cateratte del cielo
furono chiuse e la pioggia dal cielo cessò,
E le acque andarono del continuo ritirando-
si dalla terra; e alla fine di centocinquanta
giorni erano diminuite." (Genesi 8:2-3 - ND)
Gli strati sedimentari di arenaria (roccia di
sabbia cementata), calcare (roccia di
carbonato di calcio) e scisto (tipo di roccia
che si sfalda facilmente) di tutto un intero
continente potrebbero essere stati depositati solo dalle acque su così larga scala (si tratta di milioni di
kmq.). Tutto questo è contrario alla sedimentazione lentissima e progressiva sostenuta dagli
evoluzionisti.
5. Strati giudicati molto più antichi si trovano a volte mescolati a strati ritenuti più recenti. A
volte addirittura uno strato giudicato più antico dagli evoluzionisti si trova al di sopra di uno più
recente. Certo, in molti casi, si possono spiegare queste anomalie con il trasporto di materiali antichi
17
che scivolano sugli strati più recenti. In tali casi, però, sono rilevabili rocce frantumate fra uno strato e
l'altro, che ci permettono di ammettere il trasporto, spiegabile comunque tanto nel caso del
catastrofismo che dell'attualismo.
Tuttavia, in certi casi non c'è traccia di trasporto, le rocce frantumate sono completamente assenti.
L'età delle varie rocce, quindi, potrebbe essere tutta da rivedere!
Per esempio, sono presenti contemporaneamente in Inghilterra sia il Cretaceo ritenuto antico di 120
milioni di anni (calcare farinoso) e il Pleistocene di "appena un milione di anni"!
c) Le rocce metamorfiche
(Da "metamorfismo": complesso dei fenomeni per cui le rocce hanno subito alterazioni e
trasformazioni durante il volgere del tempo)
Gli esempi più rappresentativi di rocce
metamorfiche si trovano probabilmente
nella serie dei graniti (granito = roccia
cristallina). Gli evoluzionisti hanno
sempre conoiderato le rocce compatte (in
particolare appunto quelle granitiche)
come estremamente antiche ("rocce
primarie"). Si pensava che soltanto una
compressione lenta ed immensamente
lunga avesse potuto dare loro la struttura
che conosciamo.
Ma il Prof. Wyart (Università della
Sorbonne, Parigi) è riuscito ad ottenere in laboratorio la sintesi delle rocce granitiche. Sottoponendo i
costituenti di tali rocce a pressioni dalle 1.500 alle 3.000 atmosfere ed a temperature intorno ai 400-
600°, sono bastati solo alcuni giorni per ottenere granito.
Gli stessi risultati sono stati ottenuti anche in altri laboratori e non solo per il granito. È stata possibile
la sintesi di miche (tra i 200 e i 500°C), di felds pato (a una temperatura più alta e in presenza di
vapore acqueo), di quarzo (la cui sintesi a 450° è stata definita "molto facile"), ecc.
Queste pressioni e temperature sono appunto quelle che regnano da 8 a 10 km di profondità nella
terra, dove si sono formate queste rocce. In quest'ordine d'idee P. Routhier, professore alla Facoltà di
Scienze di Parigi, ha potuto scrivere che «la nascita di certi cristalli è possibile che non si misuri che in
anni, settimane e perfino ore.» ("Essai critique sur les méthodes de la géologie", Paris 1969, pag. 28).
Ciò non significa beninteso che le rocce si siano formate tutte così rapidamente, ma certamente non è
il caso d'invocare milioni di anni!
d) L'orogenesi
(Insieme di fenomeni geologici che determinano la formazione delle montagne; da "oros" che in greco
vuol dire appunto "montagna")
Se si osservano catene come
le Alpi, l'Hymalaya, le Ande
(dai 4-5000 agli 8000 mt.)
spesso corrugate, trasportate,
ripiegate e solcate da ampie e
profonde vallate, non si può
non rimanere colpiti dalle
tracce dell'azione di forze
straordinarie che le hanno modellate.
La Bibbia dichiara che le grandi montagne sorsero mentre le acque si ritiravano, dopo il diluvio:
"Tu l'avevi coperta dell'abisso come d'una veste, le acque s'erano fermate sui monti. Alla tua minaccia
18
esse si ritirarono, alla voce del tuo tuono fuggirono spaventate. Le montagne sorsero, le valli
s'abbassarono nel luogo che tu avevi stabilito per loro. Tu hai posto alle acque un limite che non
trapasseranno; esse non torneranno a coprire la terra." (Salmo 104:6-8)
Dagli inizi della geologia, si ripete che sono state forze lente ed
orizzontali che, esercitando una spinta nel senso degli strati,
sarebbero riuscite a piegarli, come si farebbe per infilare una pila
di lenzuola in un armadio troppo stretto. In seguito, l'erosione,
attaccando queste pieghe regolari, avrebbe formato i rilievi che
oggi conosciamo.
Per i geologi uniformisti, questa erosione avrebbe attaccato le
sommità delle pieghe (anticlinali) sino a farle a volta sparire del
tutto; mentre le "buche" (sinclinali) sarebbero spesso rimaste
intatte, per infine ritrovarsi in alto rispetto al resto (fenomeno chiamato dei "sinclinali rialzati" o del
"rilievo invertito"). Questa complicata ipotesi è stata avanzata per spiegare l'esistenza di strati identici
da una parte e dall'altra dei massicci centrali cristallini.
Occorreva, per risolvere il mistero, immaginare che l'erosione avesse distrutto enormi falde; addirittura
- come abbiamo visto - avrebbe spianato intere sommità di montagne.
Però potrebbe anche darsi che tutto lo schema sia da rivedere completamente. I lavori dei geologi e
dei geografi della Scuola di Grenoble (Istituto di Geografia Alpina) hanno infatti assodato che non
sono, nella maggior parte dei casi, spinte orizzontali alla base del sorgere delle montagne, ma
piuttosto spinte verticali provenienti dalla base della crosta terrestre o del cosiddetto mantello. Questo
spiegherebbe a meraviglia l'esistenza di strati identici dai due versanti di massicci centrali cristallini.
Vediamo...
Queste pressioni verticali hanno fatto salire le masse cristalline, le quali perforando gli strati
sedimentari che li ricoprivano, li hanno rigettati da una parte e dall'altra mediante slittamento.
Dunque un doppio movimento:
a. Salita verticale dei massicci cristallini;
b. Slittamento laterale degli strati sedimentari che li ricoprivano: "prealpi" sedimentarie piegate
al momento dello slittamento. Questo "scollamento" ha creato una regione depressa (fra il
massiccio centrale e le "prealpi"), detta "solco alpino" (che deve poco all'erosione, ma che
altro non è se non il risultato dello staccarsi degli strati sedimentari al momento del loro
slittamento).
Un cataclisma come il diluvio, accompagnato da violenti terremoti, può benissimo aver provocato le
spinte verticali che sono all'origine della formazione di catene montuose. Dobbiamo tenere presente
che allora gli strati sedimentari erano ancora molli, non ancora consolidati e quindi slittarono più
facilmente; erano mobili perché depositati di recente.
19
In questi ultimi decenni, è stata constatata l'ampiezza dei fenomeni sismici e la loro ripercussione sul
rilievo del Cile, nel 1970, dove un'intera vallata venne cancellata in pochi istanti. Nel 1023, in
Giappone, si osservò un sollevamento che raggiunse un dislivello di oltre 300 mt. in pochi secondi.
e) L'erosione
Secondo i geologi uniformisti fu
l'erosione, come abbiamo già spiegato
(vedi punto d.: orogenesi), la principale
causa dell'attuale configurazione delle
catene montuose. L'erosione, dovuta
soprattutto a ghiacciai e corsi d'acqua,
avrebbe addirittura cancellato delle
sommità e scavato profonde vallate.
I lavori della Scuola di Grenoble hanno
però dimostrato, oltre alle spinte
verticali e non orizzontali all’origine
della formazione di catene montuose,
anche che l'erosione non può essere
all'origine delle forme attuali delle
catene di montagne. La teoria delle
spinte verticali, in pratica, asserisce
che non furono i corsi d'acqua ed i
ghiacciai a scavare le vallate, ma che -
essendosi formate delle vallate - i fiumi
vi hanno naturalmente trovato il loro corso. L'erosione ha poi solo leggermente ritoccato il tutto.
Riassumendo:
a. Teoria uniformista:
- Spinte orizzontali;
- Tempo: milioni di anni;
- L'erosione distrugge intere sommità di montagne;
- L'erosione scava profondamente le vallate.
b.
-
-
-
Teoria catastrofista:
Spinte essenzialmente verticali;
Tempo: piuttosto breve, mentre le acque del diluvio si ritiravano;
L'erosione modifica leggermente il tutto.
Vi è inoltre una grossa contraddizione nella teoria uniformista (o attualista): perché?
L'erosione toglie materiali ai continenti e li deposita in fondo ai mari. Al ritmo di erosione di oggi si
calcola che lo spessore tolto ai continenti sarebbe stato di:
- 43 km. dall'epoca del Cambriano (570 milioni di anni fa per gli evoluzionisti);
- 174 km. in 2 miliardi di anni!
Queste cifre sono troppo alte, nessun geologo le accetterebbe, così si è costretti ad ammettere che
l'erosione è stata molto più lenta nel passato, ma... attenzione!!
1° Contraddizione
Perché nei tempi antichi l'erosione avrebbe dovuto essere più lenta se, a quei tempi, sempre per gli
evoluzionisti, non c'era ancora vegetazione sulla terra?! Si suppone che ci vollero ben 200 milioni di
anni perché comparissero le prime piante. Ora, sappiamo benissimo che, in assenza di vegetazione,
l'erosione è molto più veloce!
2° Contraddizione
L'evoluzionista, per il quale i fenomeni geologici attuali sono la chiave per interpretare il passato, è
costretto ad ammettere che certi fenomeni non sono affatto sempre stati uniformi fra passato e
presente!
20
f) Le rocce combustibili
1) Il carbone
Il carbone ha avuto origine dal seppellimento di enormi foreste che si sono poi fossilizzate. Si sa che il
carbon fossile si presenta in strati di spessore diverso, generalmente alternati con strati di origine
sedimentaria (scisti o arenaria, per esempio).
Questi strati sono spiegati dagli scienziati uniformisti con l'ipotesi di foreste ricresciute ripetutamente,
sempre nello stesso posto, nel corso di millenni, su strati successivi di sedimenti, secondo la seguente
logica:
1. Crescita di una foresta
2. Sprofondamento molto lento del terreno
3. Conseguente invasione dell'acqua
4. Distruzione della foresta
5. Deposito di sedimenti
6. Ricrescita di un'altra foresta identica alla prima
sui sedimenti
7. Formazione quindi, in un periodo lunghissimo
di tempo, di carbon fossile (la foresta distrutta)
alternato a strati di sedimenti
Già nel 1947, C.A. Arnold aveva notato che gli
strati geologici dove degli alberi verticali avevano
le loro radici non comportavano l'esistenza di un
suolo, su cui avrebbe dovuto crescere ogni
successiva foresta. H.G. Coffin riprese lo studio
attirando l'attenzione su diversi punti, che vanno
tutti nel senso di un trasporto e di un deposito
catastrofico! Studiando il giacimento di Nuova Scozia, egli mise in evidenza diversi fatti molto
interessanti:
1. Gli alberi verticali sono sempre cavi, cioè vuoti all'interno, mentre molti alberi inclinati o orizzontali
sono conifere dal tronco forte, le quali avrebbero dovuto resistere molto meglio ad una eventuale
inondazione.
2. I sedimenti (detriti, frammenti di rocce, ecc.) che riempirono gli alberi cavi, nel 70% dei casi, sono di
diversa natura rispetto a quelli fuori del tronco. Questo significa che i tronchi sono stati trasportati
dall'acqua provenienti da un'altra zona.
3. Generalmente, sotto le radici degli alberi fossilizzati non si trova un suolo, un terreno che sarebbe
stato normale trovare se la foresta fosse stata invasa dall'acqua sul posto.
4. A volte si ritrovano alberi fossilizzati di strati inferiori che oltrepassano le radici di alberi sullo strato
superiore. L'albero dello strato inferiore avrebbe dovuto rimanere sul posto senza decomporsi mentre i
detriti si accumulavano portati dal mare e mentre, dopo un tempo lunghissimo, un'altra foresta vi
ricresceva sopra... Ipotesi veramente incredibile!
5. A volte si trovano impronte di foglie molto ben conservate sotto
le radici degli alberi. Se gli alberi non fossero stati trasportati
dall'acqua e quindi fossilizzati sul posto, le foglie si sarebbero
trasformate in humus (terreno che contiene sostanze organiche in
via di decomposizione).
6. All'interno degli alberi cavi si scoprono detriti di radici
sedimentate e persino fossili marini, che indicano indubbiamente
un trasporto per mare.
7. È degno di nota il fatto che orme umane siano state frequentemente rinvenute in strati carboniferi,
ritenuti antichissimi. In località che vanno dalla Virginia e dalla Pensilvania, attraverso le Montagne
Rocciose, sono state ritrovate impronte con una lunghezza variante da 12 a 25 cm. ed un numero
21
sempre maggiore viene trovato con il passare degli anni. Queste orme sembrano, secondo ogni
evidenza, esser state lasciate da piedi umani in un'epoca in cui tali rocce erano fango soffice; non si
tratta - come abbiamo detto - di un caso raro, ma piuttosto frequente. Poiché questi strati sono,
secondo gli evoluzionisti, circa duecentocinquanta volte più antichi rispetto a quella che potrebbe
essere la data alla quale comparve l'uomo, è chiaro che ciò pone un problema. Secondo A.C. Ingalls,
gli scienziati, i cui presupposti non permettono loro di accettare queste impronte come quelle di piedi
umani, si dividono in due categorie: quelli che pensano che queste orme siano state scolpite da
antichi indiani e quelli che pensano che furono lasciate da un animale sconosciuto con orme
rassomiglianti a quelle di esseri umani (vedi in proposito A.G. Ingalls in "Scientific American" - Vol.
162, N° 1, gennaio 1940 - pag. 14).
Già che siamo in argomento di impronte, citiamo un'altra
prova simile, ma più interessante, che è stata rinvenuta
al fiume Paluxy presso Glen Rose, nel Texas. Qui sono
state rinvenute in uno stesso strato, che - si suppone -
risale al periodo cretaceo, orme di uomini e di dinosauri.
Ma, secondo la teoria evoluzionista, l'uomo non fece la
sua comparsa che settanta milioni di anni dopo quel
periodo; sembrerebbe perciò impossibile che si
potessero trovare le une accanto alle altre. Alcuni
evoluzionisti hanno suggerito che le orme forse erano
state scolpite sulla roccia da qualcuno per inganno, ma
scavi fatti più recentemente hanno mostrato che le
impronte continuano per molta distanza sotto la roccia;
questa possibilità è stata dunque eliminata.
Un altro fossile straordinario (tanto da non essere stato
preso in considerazione dagli evoluzionisti) è quello
dell'orma di un sandalo trovato nella roccia cambriana.
Questo è il più vecchio strato contenente fossili, e vari
fossili trilobiti, che sono i fossili guida di quel periodo e si
vedono chiaramente nell'orma. (vedi William J. Meister,
Sr., Discovery of Trilobite Fossils in Shod Foot-print on
Human in "Trilobite Beds" - A Cambrian formation -
Antelope Springs, Utah, "Why Not Creation?", 1970 -
pp. 186-193).)
8. Numerosi alberi sono inclinati di 45° o più. Tal i alberi sono difficili da interpretare come in posizione
di crescita. Come hanno potuto essere sedimentati lentamente in questa posizione? Sarebbero dovuti
cadere in avanti.
9. Il carbon fossile può essere formato in laboratorio in alcune ore. Anche in questo caso (come per le
rocce cristalline: vedi punto c.: Le rocce metamorfiche), si può fare a meno d'invocare un tempo di
milioni di anni!
2) Il petrolio
Quasi tutti gli scienziati oggi sono d'accordo sul fatto che, generalmente,
il petrolio si è formato dalla decomposizione di miliardi di organismi
marini (il plancton animale e vegetale). Questa decomposizione sarebbe
opera di batteri anaerobici che vivono al riparo dall'aria. Gli uniformisti
credono che il petrolio si sia formato gradualmente più di 25 milioni di
anni fa. Ma è necessario supporre tanto tempo? Vediamo:
1. Questi batteri anaerobici sono stati ritrovati (dal 1926 in poi)
viventi in certi giacimenti di carbon fossile, quindi la loro azione
non si è conclusa 25 milioni di anni fa.
2. Nel 1952 nel Golfo del Messico, si è scoperto petrolio in
formazione all'interno di sedimenti recenti. Ciò vuol dire che
questa decomposizione è molto più rapida di quello che suppongono gli uniformisti.
22
3. Con materiale derivato da piante, così come con spazzatura e letame, si è formato del buon
petrolio in laboratorio in venti minuti, sottoponendo i materiali alle giuste temperature e alla
giusta pressione (questi esperimenti sono stati descritti nel giornale "Chemical and
Engineering News" del 29 maggio 1972 - pag. 14).
g) La stratigrafia
Quando si viaggia nelle montagne dell'Europa, ad esempio nelle Prealpi o nel Giura, si è colpiti dalla
vastità dei corrugamenti che intaccano il materiale sedimentario. Gli strati che si erano deposti
orizzontalmente risultano corrugati, deformati.
Questi corrugamenti testimoniano delle grandi pressioni tettoniche (tettonica: corrente della geologia
che si occupa della disposizione delle rocce che formano la crosta terrestre) che si sono esercitate sui
sedimenti e della plasticità di questi sedimenti.
Ma, in quelle regioni che non hanno conosciuto gli sconvolgimenti di cui si parlava prima, quello che
maggiormente colpisce è la continuità dei depositi orizzontali, che si estendono per migliaia di
chilometri quadrati. Il più significativo esempio di tutto ciò è il Gran Canyon del Colorado. Il taglio
verticale operato dal fiume Colorado in questa immensa "torta" stratificata consente di vedere
l'alternanza dei depositi sedi-
mentati. Lo studio di questa
alternanza si chiama appunto
"stratigrafia" e costituisce la
base di tutte le ricerche in
geologia.
Ma torniamo al Gran Canyon: si
tratta di una "torta" di strati
rocciosi alta da 1.500 a 2.000
mt., a secondo dei luoghi. I
colori e le strutture nettamente
differenziati a secondo degli
strati permettono di distinguere
con un solo colpo d'occhio i
depositi successivi.
Il principio della sovrapposizione > È evidente che, se non si sono verificati sconvolgimenti di sorta,
gli strati più vicini alla superficie sono stati deposti dopo gli altri. Gli strati più giovani riposano sugli
strati più vecchi. Tale è il principio, indiscutibile, della stratigrafia: il principio della sovrapposizione.
Però è necessario fare subito un'osservazione: la stratigrafia non ci insegna nulla...
- né della durata dei depositi;
- né dell'intervallo di tempo che separa due depositi consecutivi.
Quindi, è chiaro che uno strato situato sopra un altro gli è posteriore... ma di quanto?