SHOT sharia moderati

Shot Copt dies on New Year's Eve after hospital 'negligence'
    Rumour of tryst triggers anti-Christian violence in Egypt village
    Viewpoint: A country in confusion
    Renewed day by day
    Churches across Egypt attacked
========================
Cameroon's churches struggle to cope with Boko Haram spillover. Published: September 08, 2014 by Illia Djadi
Share on facebookShare on twitterShare on google_plusone_shareShare on redditMore Sharing Services14
The United Nations camp for Nigerian refugees in Mokolo, norhtern Cameroon, in July.
World Watch Monitor. Northern Cameroon is more than ever in the sights of Boko Haram, as details of atrocities committed by the radical Islamic sect from neighboring Nigeria continue to emerge.
The militant sect, which now controls several major Nigerian towns, has set up a caliphate with a strict implementation of sharia law. A lawmaker told the BBC that dead bodies of civilians remained littered on the streets of Bama, a key town of Nigeria's north-eastern Borno state - seized by Boko Haram this week. Christians in the occupied areas are being persecuted, it is reported. Christian men have been caught and beheaded while women have been forced to convert and been married to some of the militants.
Their offensive has forced thousands of civilians to flee into neighboring Cameroon. Making a mockery of the border (which the Cameroon authorities say they've closed to prevent the spread of the ebola virus) militants have intensified their attacks in Cameroon's villages and towns. As in Nigeria, Christian populations are particularly targeted.
This is particularly true of the village of Cherif Moussary, where a church was ransacked and the residence of the pastor burned down. Many Christian families were stripped of their properties; 'even kitchen utensils were not spared' local sources told World Watch Monitor.
A similar act of desecration was reported at Mouldougoua village. At Assighassia (occupied for days by militants before being ousted by the army on Thursday, August 28) two church elders - Zerubbabel Tchamaya and Samuel Lada - were beheaded. In Djibrilli village, a pastor was kidnapped, threatened and asked about his faith by militants before being released the following day.
Everywhere the story is the same. A local community leader told World Watch Monitor "The assailants attack in the night, when the army is no longer patrolling in the villages. They enter the houses of Christians and strip them of their properties… Several churches were ransacked and valuables such as musical instruments were destroyed or taken away…
"The situation is alarming", laments the leader, who has sheltered a number of the internally displaced. "It is difficult to give precise figures of Christians who have fled".
In July, at least 25 people were killed in Cameroon, among them a church leader, as militants carried out two spectacular attacks in the region. The wife of the Deputy Prime Minister was kidnapped, raising the fear that northern Cameroon, long seen as a rear base for the militants, has become a new battle field for them. She was rescued two days later, after a fierce battle between her kidnappers and the army.
Since then, the Cameroon government has announced the reinforcement of the army in the region. Also several meetings have been held - aimed at pooling resources with neighbors - after the abduction in April of about 300 Chibok school girls by Islamists. On Wednesday, Nigeria and its regional allies called for greater international support to shut down Boko Haram's weapons and funding supply, as concern has mounted at the group's rapid recent land grab in North-Eastern Nigeria.
Churches' capacity overwhelmed
For months, the churches have been trying to contain the influx of Nigerian refugees and internally displaced people. The Council of Protestant Churches in the Far North region has set up a crisis committee, Rev. Samuel Heteck, one of the regional leaders, told World Watch Monitor.
''The action of our churches has initially consisted of providing the refugees and IDPs with food, shelter and medicines. But now, the capacity of our churches is overwhelmed, as their number has increased up to threefold".
But in the meantime, cross-border raids and atrocities have continued, pushing more people to flee. ''Every week we welcome new waves of refugees coming from all sides. More than 9,600 displaced people were recorded in two weeks. Some are welcomed within church compounds and others in the UN Minawao refugee camp in Mokolo", notes Rev. Heteck.
The Church in Cameroon alone cannot cope with the spiritual, physical and financial demands that can give a better life to the thousands of displaced people, points out Rev. Heteck.
''After more than a year of social action, we now face a depletion of our resources. Unfortunately, the help and generosity of our brethren from abroad has been slow to appear.''
Moreover, the deterioration of security has forced missionaries and expatriates, employed mainly in social work, to leave the area. Their departure has significantly reduced the response capacity of the churches, as local staffs were not prepared to face such a crisis.
Activities aimed at raising funds or generating momentum for prayer are held by local churches. A day of fundraising and voluntary donations is set for Sunday, October 19, in all Protestant churches in Cameroon.
On July 19, a day of prayer for peace was held by the Catholic Church. "We want to entrust Cameroon as well as all other countries in war to the Lord. The insecurity raging on our borders, in particular those with Nigeria, has created a psychosis in our population. In these situations, you must put yourself in the hands of the Almighty", said the Archbishop of Douala and President of the Episcopal Conference, Samuel Kleda.
Conflict prevention activities are also held jointly between Christian and Muslim leaders in Northern Cameroon, fearful that their region may become another area of sectarian violence. About 40 Christian and Muslim leaders met in April to promote a culture of peace and tolerance between different religious communities, and this led to a Youth Forum on August 7 in Maroua.
Under the theme "Young Christians and Muslims together for peace and development", it allowed local authorities to call young people to be 'an agent of intelligence' and to report any suspect activity. (Hundreds of young Cameroonians have reportedly joined the ranks of Boko Haram). In their closing statement, Christian and Muslim young people expressed their commitment ''to promote religious tolerance, to not give in to the bait of kidnappers and to remain faithful to the ideals of the Republic''.
Worrying humanitarian situation
Unlike the regions in its south, the Far North of Cameroon is a vast semi-desert, very poor area. Some  accuse successive political leaders of abandoning the north, which is in great need of basic infrastructure, and where banditry and all sorts of trafficking operations have developed. Over years, food production and farming have declined because of the scarcity of farmland and grazing areas.
The current influx of refugees has put further pressure on scarce natural resources. Additionally, the destruction of farms and livestock by Boko Haram militants has raised the prospect of widespread famine in the region. In July, the World Food Programme (WFP) started providing humanitarian assistance to Nigerian refugees in Cameroon, and it raised the alarm.
"Local authorities have done their best to help, but these refugees are in urgent need of food and assistance. We found alarming levels of malnutrition, particularly among children. This is a priority for the WFP and its humanitarian partners" said Jacques Roy, WFP Representative in Cameroon.
The arrival of the rainy season complicates further access to the areas: deadly flooding has been reported, and also an outbreak of cholera has claimed an undetermined number of lives
Le chiese del Camerun lottano per far fronte a Boko Haram spillover. Pubblicato: 8 settembre 2014 da Illia Djadi
Condividi su FacebookCondividi su TwitterCondividi su google_plusone_shareShare su redditMore Condivisione Services14
Il campo delle Nazioni Unite per i rifugiati nigeriani in Mokolo, norhtern Camerun, nel mese di luglio.
World Watch Monitor. Nord Camerun è più che mai nel mirino di Boko Haram, come i dettagli delle atrocità commesse dalla setta islamica radicale dalla vicina Nigeria continuano ad emergere.
La setta militante, che ora controlla diverse grandi città nigeriane, ha istituito un califfato con una rigorosa applicazione della sharia. Un deputato ha detto alla BBC che i corpi morti di civili sono rimasti lettiera per le strade di Bama, una città chiave del nord-est dello stato di Borno Nigeria - sequestrati da Boko Haram questa settimana. I cristiani nelle zone occupate vengono perseguitati, è segnalato. Uomini cristiani sono stati catturati e decapitati mentre le donne sono state costrette a convertire e sposati ad alcuni dei militanti.
La loro offensiva ha costretto migliaia di civili a fuggire nel vicino Camerun. Fare una presa in giro del confine (che le autorità del Camerun dicono di aver chiuso per prevenire la diffusione del virus ebola) militanti hanno intensificato i loro attacchi nei villaggi e nelle città del Camerun. Come in Nigeria, le popolazioni cristiane sono particolarmente presi di mira.
Ciò è particolarmente vero per il villaggio di Cherif Moussary, dove una chiesa è stata saccheggiata e la residenza del pastore bruciato. Molte famiglie cristiane sono stati spogliati delle loro proprietà; 'Anche utensili da cucina non sono stati risparmiati' fonti locali hanno detto World Watch Monitor.
Un simile atto di profanazione è stato segnalato al villaggio Mouldougoua. Alla Assighassia (occupato per giorni da militanti prima di essere spodestato dall'esercito il Giovedi, giorno 28 Agosto) due anziani della chiesa - Zorobabele Tchamaya e Samuel Lada - furono decapitati. Nel villaggio di Djibrilli, un pastore è stato rapito, minacciato e ha chiesto la sua fede da parte di militanti prima di essere rilasciato il giorno seguente.
Ovunque la storia è la stessa. Un leader della comunità locale ha detto World Watch Monitor "L'attacco assalitori nella notte, quando l'esercito non sta perlustrando nei villaggi. Entrano le case dei cristiani e li spogliano delle loro proprietà ... Diverse chiese sono state saccheggiate e oggetti di valore quali gli strumenti musicali siano stati distrutti o portati via ...
"La situazione è allarmante", lamenta il leader, che ha riparato un certo numero di sfollati interni. "E 'difficile dare cifre precise di cristiani che sono fuggiti".
Nel mese di luglio, almeno 25 persone sono state uccise in Camerun, tra i quali un dirigente della Chiesa, come i militanti effettuati due attentati spettacolari della regione. La moglie del vice primo ministro è stato rapito, sollevando il timore che il nord del Camerun, a lungo considerata come base posteriore per i militanti, è diventato un nuovo campo di battaglia per loro. È stata salvata due giorni più tardi, dopo una feroce battaglia tra i suoi rapitori e l'esercito.
Da allora, il governo del Camerun ha annunciato il rafforzamento dell'esercito nella regione. Anche diversi incontri si sono tenuti - volto a mettere in comune le risorse con i vicini - dopo il rapimento nel mese di aprile di circa 300 Chibok ragazze delle scuole di islamisti. Mercoledì scorso, la Nigeria ei suoi alleati regionali hanno chiesto un maggiore sostegno internazionale per arrestare armi e finanziamenti fornitura di Boko Haram, come preoccupazione ha montato in rapido recente furto di terra del gruppo nel nord-est della Nigeria.
Capacità Chiese sopraffatto
Per mesi, le chiese hanno cercato di contenere l'afflusso di rifugiati nigeriani e sfollati interni. Il Consiglio delle Chiese protestanti della regione dell'Estremo Nord ha istituito un comitato di crisi, Rev. Samuel Heteck, uno dei leader regionali, ha detto World Watch Monitor.
'' L'azione delle nostre chiese ha inizialmente consisteva di fornire i rifugiati e gli sfollati interni con il cibo, riparo e medicine. Ma ora, la capacità delle nostre chiese è sopraffatto, come il loro numero è aumentato fino a tre volte ".
Ma nel frattempo, le incursioni e le atrocità transfrontaliere hanno continuato, spingendo sempre più persone a fuggire. '' Ogni settimana accogliamo nuove ondate di profughi provenienti da tutte le parti. Più di 9.600 sfollati sono stati registrati in due settimane. Alcuni sono accolti all'interno di composti chiesa e gli altri nel campo profughi Minawao delle Nazioni Unite in Mokolo ", osserva Rev. Heteck.
La Chiesa in Camerun da solo non può far fronte alle esigenze spirituali, fisici e finanziari che possono dare una vita migliore alle migliaia di sfollati, sottolinea Rev. Heteck.
'' Dopo più di un anno di azione sociale, abbiamo ora di fronte a un impoverimento delle nostre risorse. Purtroppo, l'aiuto e la generosità dei nostri fratelli stranieri è stata lenta ad apparire. ''
Inoltre, il deterioramento della sicurezza ha costretto i missionari e gli espatriati, impiegati soprattutto nel sociale, a lasciare la zona. La loro partenza ha ridotto in modo significativo la capacità di risposta delle chiese, come il personale locale non erano preparati ad affrontare una tale crisi.
Attività finalizzate alla raccolta di fondi o la generazione di slancio per la preghiera sono tenuti da chiese locali. Una giornata di raccolta fondi e donazioni volontarie è fissato per Domenica 19 ottobre in tutte le chiese protestanti in Camerun.
Il 19 luglio, una giornata di preghiera per la pace si è svolto dalla Chiesa cattolica. "Vogliamo affidare Camerun così come tutti gli altri paesi in guerra al Signore. L'insicurezza infuria sui nostri confini, in particolare quelli con la Nigeria, ha creato una psicosi nella nostra popolazione. In queste situazioni, è necessario mettersi nelle mani dell'Onnipotente ", ha detto l'Arcivescovo di Douala e Presidente della Conferenza Episcopale, Samuel Kleda.
Attività di prevenzione dei conflitti si svolgono anche congiuntamente fra leader cristiani e musulmani nel nord del Camerun, timorosi che la loro regione può diventare un'altra area di violenza settaria. Circa 40 leader cristiani e musulmani sono incontrati nel mese di aprile per promuovere una cultura di pace e tolleranza tra le diverse comunità religiose, e questo ha portato a un Forum della Gioventù, il 7 agosto a Maroua.
Nell'ambito del tema "I giovani cristiani e musulmani insieme per la pace e lo sviluppo", ha permesso alle autorità locali di chiamare i giovani ad essere 'un agente di intelligence' e di segnalare qualsiasi attività sospetta. (Centinaia di giovani camerunensi hanno riferito aderito le fila di Boko Haram). Nella loro dichiarazione di chiusura, cristiani e musulmani, i giovani hanno espresso il loro impegno '' a promuovere la tolleranza religiosa, per non cedere alla esca di rapitori e di rimanere fedeli agli ideali della Repubblica ''.
Preoccupante situazione umanitaria
A differenza delle regioni in suo sud, l'estremo nord del Camerun è un vasto semi-deserto, zona molto povera. Alcuni accusano i leader politici successivi di abbandonare il nord, che è in grande bisogno di infrastrutture di base, e dove banditismo e tutti i tipi di operazioni di traffico hanno sviluppato. Negli anni, la produzione alimentare e l'agricoltura sono diminuiti a causa della scarsità di aree agricole e di pascolo.
L'attuale afflusso di rifugiati ha messo ulteriore pressione sulle scarse risorse naturali. Inoltre, la distruzione delle aziende agricole e del bestiame da parte di militanti di Boko Haram ha sollevato la prospettiva di una diffusa carestia nella regione. Nel mese di luglio, il Programma Alimentare Mondiale (WFP) ha iniziato a fornire assistenza umanitaria ai rifugiati nigeriani in Camerun, e ha sollevato l'allarme.
"Le autorità locali hanno fatto del loro meglio per aiutare, ma questi rifugiati hanno urgente bisogno di cibo e di assistenza. Abbiamo trovato livelli allarmanti di malnutrizione, soprattutto tra i bambini. Questa è una priorità per il WFP ei suoi partner umanitari", ha detto Jacques Roy, il PAM Rappresentante in Camerun.
L'arrivo della stagione delle piogge complica ulteriormente l'accesso alle zone: micidiale inondazione è stato segnalato, e anche un'epidemia di colera ha rivendicato un numero indeterminato di vite
=======================================
    Cameroon pastor, 25 killed as Dep Prime Minister's wife kidnapped
    Christian and Muslim clerics pledge to tackle insecurity in N. Cameroon
    Nigeria's kidnapped teens feared to be abroad
    Canadian nun and two priests abducted in Cameroon
    Nigeria 'at war' with Boko Haram
=====================================
An old story under India's new government. Published: September 08, 2014 by Anto Akkara.
Christian activists plan protests against violence and forced 'reconversions'. The Bharatiya Janata Party, or BJP, is the political home to India's Hindu nationalist movement. Following rallies such as this one in Amethi, Uttar Pradesh, in May, the BJP rolled to landslide victories in national parliamentary elections. Narendra Modi / Flickr / Creative Commons. More than 600 attacks on minority Muslims and Christians during the first 100 days of the new government led by Prime Minister Narendra Modi have prompted Christians and activists to set out a series of protests. At a September 2 meeting in New Delhi attended by over 50 Christian leaders, lawyers and social activists, several committees were set up to draw national attention to the "conspiracy" behind the sporadic violence.
On September 4, the core committee announced plans to bring out a "Minority Report on 100 days of Modi Governance," detailing atrocities during the first 100 days of the new government. The government under the Bharatiya Janata Party, or BJP, known for espousing Hindu nationalism, assumed power on May 26 after its landslide victory in the election to choose India's 16th Parliament.
Apart from the report, the coalition of Christian groups and secular social networks have announced a convention on minority rights on October 2 – the national holiday marking the birth of Mahatma Gandhi.
The convention will be followed two days later by a public protest in New Delhi.
The plan followed the capital's Christian leaders' response to two recent and widely report incidents of anti-Christian violence from Uttar Pradesh state, bordering New Delhi.
On August 27, a Seventh Day Adventist church in Asroi village in Aligarh district – 160 kilometres south-east of New Delhi – was 'purified' with a ritual and declared a temple by Hindu fundamentalists, after "re-converting" an extended family of Christian converts back to Hinduism.
Hindu fundamentalist groups sent out photos and a press release to claim that 72 low-caste Christian converts had returned to Hinduism. "This is mere propaganda and a ploy to intimidate Christian congregations as a whole. Saffron (Hindu fundamentalist) groups are behind it," Sundar Singh, a Dalit Christian activist who visited the village in a three-member fact finding team, reported at the September 2 meeting.
The fact-finding team reported that the "purification" ritual and the "reconversion" of Christians had been held with more than a dozen members of an extended family. Since the pastor had made only irregular visits to the village, Hindu fundamentalists targeted them.
"It was organised by Hindu fundamentalist outfits capitalising on the lapse of the pastor," pointed out Catholic priest Dominic Emmanuel, a member of the fact-finding team. The ritual was photographed and video graphed and sent to the media with the claim of reconversion of 72 Christians besides uploading it even on YouTube. "But there are only five Christian families with 30 members in the area," he added.
"The police chief of the area even told us that 'this is a Hindu nation.' The police have changed colours with the change of government." --Pramod Singh, Christian lawyer
In a memorandum to the chief minister of Uttar Pradesh state, the Christians have condemned the conversion of the church to a temple, urging him to intervene to protect their faith and their properties from the Hindu fundamentalists.
"The series of atrocities did not end with Asroi. At Hasayn in the same district, the pracharaks (Hindu activists) wanted to conduct the same purification inside the church but were stopped by the police," said Osmond Charles, an advocate. While the Christian delegation was in Aligarh on August 30, another shocking incident alarmed the Christian activists in the national capital:  a dozen pastors were illegally detained by the police on false "converting Hindus to Christians" charges at Surajpur village near Noida, on the border of New Delhi.
Pramod Singh, a senior Christian lawyer who rushed to the spot following the arrest of the pastors, told the meeting that Hindu fundamentalists led by a local BJP leader organised a protest at a village church gathering alleging "conversion." "With a crowd of protesters making a spectacle, police took into custody pastors from the regular prayer meeting. When seven others reached the police station, they were also detained. The police even beat some of the pastors to please the Hindu mob creating a violent scene outside the police station," Singh said.
"The police chief of the area even told us that 'this is a Hindu nation.' The police have changed colours with the change of government," he said. While ten pastors were released late into the night, the remaining two were released only on the next day, despite Christian lawyers and leaders arguing with the police about the illegal detention.
The police on September 1 conceded that they found that the allegations against the pastors were "baseless," and that people were praying with the Christian pastors of their own volition.
John Dayal, an outspoken Indian Christian leader, told the meeting that "these incidents are not isolated. There is a clear strategy and plan behind it. Such instances are only spreading."
Dayal's warning has been confirmed by a September 3rd incident at Shivpuri district in central Madhya Pradesh where four Dalits who converted to Islam were publicly subjected to "re-conversion" by leading Hindu fundamentalist groups.
According to the Indian Express, half a dozen Dalits who had expressed willingness to embrace Islam were not spared, either. "Where is the freedom of religion guaranteed under the constitution?" asked Shabnam Hashmi, a prominent social activist at the September 2 meeting in New Delhi.
Hashmi, founder director of ANHAD (Act Now for Harmony and Democracy), pointed out that more than 600 incidents of violence against minorities have been reported in less than 100 days of Modi's government. "It is time for all to join hands and protest," she urged.
Rev. Richard Howell, general secretary of the Evangelical Fellowship of India told the meeting that EFI is documenting the atrocities against Christians.
Una vecchia storia sotto il nuovo governo indiano. Pubblicato: 8 settembre 2014 da Anto Akkara.
Attivisti cristiani in programma proteste contro la violenza e 'riconversioni' forzati. Il Bharatiya Janata Party, BJP o, è la sede politica di movimento nazionalista indù dell'India. A seguito di manifestazioni come questa in Amethi, Uttar Pradesh, a maggio, il BJP laminati di vittorie frana alle elezioni parlamentari nazionali. Narendra Modi / Flickr / Creative Commons. Più di 600 attacchi contro i musulmani di minoranza e cristiani durante i primi 100 giorni del nuovo governo guidato dal primo ministro Narendra Modi hanno spinto i cristiani e attivisti per definire una serie di proteste. In una riunione 2 settembre a Nuova Delhi hanno partecipato oltre 50 leader cristiani, avvocati e attivisti sociali, diverse commissioni sono state istituite per attirare l'attenzione nazionale per il "complotto" dietro la violenza sporadica.
Il 4 settembre, il comitato centrale ha annunciato piani per portare un "Minority Report sui 100 giorni di Modi Governance," atrocità dettaglio durante i primi 100 giorni del nuovo governo. Il governo sotto il Bharatiya Janata Party, BJP o, noto per sposare nazionalismo indù, assunse il potere il 26 maggio dopo la schiacciante vittoria nelle elezioni per scegliere 16 Parlamento indiano.
A parte il rapporto, la coalizione di gruppi cristiani e laici social network hanno annunciato una convenzione sui diritti delle minoranze, il 2 ottobre - la marcatura della nascita del Mahatma Gandhi festa nazionale.
Il convegno sarà seguito due giorni dopo da una protesta pubblica a Nuova Delhi.
Il piano ha seguito la risposta dirigenti della capitale cristiane a due recenti incidenti e ampiamente relazione della violenza anticristiana da stato dell'Uttar Pradesh, al confine con New Delhi.
Il 27 agosto, una chiesa Avventista del Settimo Giorno in villaggio Asroi nel distretto di Aligarh - 160 chilometri a sud-est di Nuova Delhi - è stato 'purificato' con un rituale e dichiarò un tempio dai fondamentalisti indù, dopo "ri-conversione", una famiglia allargata di cristiani convertiti all'induismo.
Gruppi fondamentalisti indù inviate foto e un comunicato stampa per affermare che 72 di bassa casta convertiti al cristianesimo erano ritornati all'induismo. "Questa è pura propaganda e uno stratagemma per intimidire congregazioni cristiane nel suo complesso. Zafferano (fondamentalisti indù) gruppi sono dietro di esso, "Sundar Singh, attivista dalit cristiano che ha visitato il villaggio in una squadra accertamento dei fatti di tre membri, ha riferito alla riunione 2 settembre.
Il team d'inchiesta ha riferito che il rituale "purificazione" e la "riconversione" dei cristiani si erano tenute con più di una dozzina di membri di una famiglia allargata. Dal momento che il pastore aveva fatto solo visite irregolari al villaggio, fondamentalisti indù li mirati.
"E 'stato organizzato da abiti fondamentalisti indù capitalizzando la scadenza del parroco," ha sottolineato prete cattolico Dominic Emmanuel, un membro della squadra di inchiesta. Il rituale è stato fotografato e video, graficamente e inviato ai media con la pretesa di riconversione di 72 cristiani, oltre a caricarlo anche su YouTube. "Ma ci sono solo cinque famiglie cristiane, con 30 membri della zona", ha aggiunto.
"Il capo della polizia della zona, anche ci ha detto che 'questa è una nazione indù.' La polizia ha cambiato i colori con il cambio di governo ". --Pramod Singh, avvocato cristiano
In un memorandum al ministro capo di stato Uttar Pradesh, i cristiani hanno condannato la conversione della chiesa in un tempio, chiedendogli di intervenire per proteggere la loro fede e le loro proprietà dai fondamentalisti indù.
"La serie di atrocità non è finita con Asroi. Alla Hasayn nello stesso distretto, i pracharaks (attivisti indù) hanno voluto condurre la stessa purificazione all'interno della chiesa, ma sono stati fermati dalla polizia", ​​ha detto Charles Osmond, un avvocato. Mentre la delegazione cristiana era in Aligarh il 30 agosto, un altro incidente scioccante allarmato gli attivisti cristiani nella capitale nazionale: una dozzina di pastori sono stati detenuti illegalmente dalla polizia il falso "conversione indù ai cristiani" oneri al Sūrajpur villaggio vicino a Noida, al confine di Nuova Delhi.
Pramod Singh, un avvocato cristiano anziano che si precipitò sul posto dopo l'arresto dei pastori, ha detto alla riunione che i fondamentalisti indù guidati da un leader locale del Bjp hanno organizzato una protesta contro un raduno villaggio chiesa attinente "conversione". "Con una folla di manifestanti fare uno spettacolo, la polizia ha preso in custodia dai pastori l'incontro di preghiera regolare. Quando gli altri sette hanno raggiunto la stazione di polizia, sono stati anche arrestati. La polizia ha anche battuto alcuni dei pastori per compiacere la folla indù creando una scena violenta al di fuori della stazione di polizia ", ha detto Singh.
"Il capo della polizia della zona, anche ci ha detto che 'questa è una nazione indù.' La polizia ha cambiato i colori con il cambio di governo ", ha detto. Mentre dieci pastori sono stati rilasciati fino a tarda notte, gli altri due sono stati rilasciati solo il giorno successivo, nonostante avvocati cristiani e leader che discutono con la polizia per la detenzione illegale.
La polizia il 1 ° settembre ha ammesso che hanno scoperto che le accuse contro i pastori erano "infondate", e che le persone pregavano con i pastori cristiani di loro spontanea volontà.
John Dayal, un leader cristiano indiano schietto, ha detto alla riunione che "questi incidenti non sono isolati. Vi è una chiara strategia e un piano dietro di esso. Questi casi sono solo diffondendo. "
Avvisi di Dayal è stato confermato da un incidente 3 settembre al distretto di Shivpuri, nel centro di Madhya Pradesh dove quattro dalit che convertite all'islam sono stati pubblicamente sottoposti a "ri-conversione" dai principali gruppi fondamentalisti indù.
Secondo l'Indian Express, una mezza dozzina di Dalit che avevano espresso la volontà di abbracciare l'Islam non sono stati risparmiati, neanche. "Dov'è la libertà di religione garantita dalla costituzione?" Chiese Shabnam Hashmi, un attivista sociale di primo piano alla riunione di settembre 2 su New Delhi.
Hashmi, direttore fondatore di ANHAD (Act Now per l'Armonia e la Democrazia), ha sottolineato che più di 600 episodi di violenza contro le minoranze sono state riportate in meno di 100 giorni di governo di Modi. "E 'tempo per tutti di unire le mani e di protesta", ha esortato.
Rev. Richard Howell, segretario generale della Evangelical Fellowship of India ha detto alla riunione che EFI è documentare le atrocità contro i cristiani.
==================================
    Indian villages outlaw Christian practices
    Indian elections: what could they mean for minority Christians?
    Trouble in the south
    BJP win elicits mixed reaction from India's Christians
    Bajrang Dal pressure villagers to leave Christianity
====================================
Egyptian fire crew in no hurry to put out church fire
Published: September 09, 2014
World Watch Monitor
The pounding on the door shook Mina Hanna awake. A neighbour had urgent news: Fire at the ...
Cameroon's churches struggle to cope with Boko Haram spillover
Published: September 08, 2014 by Illia Djadi
World Watch Monitor
Northern Cameroon is more than ever in the sights of Boko Haram, as details of atrocities committed ...
An old story under India's new government
Published: September 08, 2014 by Anto Akkara
Narendra Modi
More than 600 attacks on minority Muslims and Christians during the first 100 days of the new ..
    Iraq: last Christians to leave Bartella
    Published: September 05, 2014
    Protestant union issues 'urgent appeal' to help Iraqi Christians
    Published: September 05, 2014
    IS leaflets spread in Pakistan; 1200 Christians displaced as army attacked militants
    Published: September 03, 2014
    Islamists want to 'wipe out' Christian presence in northern Mali
    Published: September 02, 2014
    'We want to stay in Iraq, but can't live like this anymore'
    Published: September 01, 2014
    Nepali pastor leaves prison after 2 years for killing a cow
    Published: August 29, 2014
============================
Iraq: last Christians to leave Bartella. Published: September 05, 2014. Church community flee town close to IS-held Mosul for safety of Erbil. Rev. Yacoub Saad Shamas. Courtesy Open Doors International
The last Christians have fled the northern Iraqi town of Bartella. Six babies were born during the difficult journey east to Erbil, a city under Kurdish control and still known to be safe for Christians.
The church group was led to safety by Father Yacoub Saad Shamas who explained what it felt like to leave their homes. "It was a painful decision to make, to leave behind our homes, the place we grew up in, the place we love. Some church guards and I were the last Christians to leave our village. It took us 10 hours to get to Erbil. In my church group We had six babies born along the way. It was all very difficult." According to Father Yacoub, 2000 Christian families from the Syriac Orthodox community fled Bartella on 6 August. Six hundred went North to the Dohuk area, but the majority came to Erbil. Sixty thousand Christians have arrived as refugees in Erbil since Islamic State began terrorising Christians in Mosul and the Ninevah Plains, according to local NGOs.
Like so many of the refugees, families from Father Yacoub's church are spread around Erbil with many settled in Ankawa, one of its suburbs. Some of the refugees are staying with relatives while others are living in schools, church courtyards and public gardens.
Responsible. Father Yacoub has lost his church but feels he must stay with the church families despite having an open visa to enter the United States, a country he's visited twice before: "I feel responsible for my people. It is a hard time and we have to look out for each other."
His group of refugees relied on the Church for food when they first arrived in Erbil but that soon ran out. "The Bishop of our Church, Mar Gregorius Saliba Shamoun, helped us, but our resources were so little. It was gone quickly."
Up until their exile the Christians from Bartella could provide for themselves. Many owned houses and good agricultural land, which meant food was always available in the markets. But now they are completely dependent on others. "We are very happy that now at least we can get basic supplies for our families," Father Yacoub said. "But it is strange for us that we now have to ask church aid organizations to help us out. " Struggles. The Bartella community has organized itself so that all the families have registered their names with Father Yacoub, who has negotiated to get help from partner NGOs. But he still struggles with distribution:  "It is too difficult for us to bring each bag personally to each of the families. We have a good person in the local community whose house we use to distribute the goods," he said. "We take the food there and we have a list of the families and call them up so that they can come and pick up the supplies." Distribution of food and supplies in Erbil to refugees from Bartella.
World Watch Monitor. The bags that the Christian aid organization provides contain enough basic supplies for one family for one week, but no meat or fresh vegetables. Father Yacoub still feels it is an important contribution that is making a big difference: "I want to thank all those who are sending help for us in our time of need. We really need it!"
Father Yacoub is a busy man who still has services to take, as the church leader of the community he led to exile. He continues his duty of care for the community. Later in the day he has a funeral service to hold and he tries to visit the different families spread across the city.
"When I come to sit with them, at least they feel that the church has not forgotten them and that they are not alone. Jesus said that because they have persecuted him, they will persecute us. But he also said that although we face tribulation we can be sure that Christ has overcome the world."
When asked what the international community can do to support him and others who want to stay in their native land, he becomes passionate: "Please pray; this is first. Without prayer we really cannot do, or begin or finish anything. But also please ask your leaders to help us, so we can return to our homes and to stay in Iraq." Iraq: ultimi cristiani a lasciare Bartella. Pubblicato: September 05, 2014 comunità ecclesiale fuggire città vicino a IS-tenuto Mosul per la sicurezza di Erbil. Rev. Yacoub Saad Shamas. Courtesy Open Doors Internazionale
Gli ultimi cristiani sono fuggiti città settentrionale irachena di Bartella. Sei bambini sono nati durante il difficile viaggio da est a Erbil, città sotto il controllo curdo e ancora noto per essere sicuro per i cristiani.
Il gruppo della chiesa è stato condotto in salvo da Padre Yacoub Saad Shamas che ha spiegato cosa si prova a lasciare le loro case. "E 'stata una decisione dolorosa per fare, a lasciare dietro le nostre case, il luogo in cui siamo cresciuti, il posto ci piace. Alcune guardie della chiesa e io eravamo gli ultimi cristiani a lasciare il nostro paese. Ci sono voluti 10 ore per arrivare a Erbil. Nel mio gruppo chiesa Abbiamo avuto sei bambini nati lungo la strada. Era tutto molto difficile. "Secondo Padre Yacoub, 2000 famiglie cristiane della comunità siro-ortodossa fuggiti Bartella il 6 agosto. Seicento andato Nord alla zona Dohuk, ma la maggioranza è venuto a Erbil. Sessanta mila cristiani sono arrivati ​​come rifugiati in Erbil dal Stato islamico ha iniziato a terrorizzare i cristiani di Mosul e Ninive Plains, secondo le ONG locali.
Come molti dei rifugiati, famiglie di chiesa di Padre Yacoub sono sparsi in giro Erbil con molte stabilì a Ankawa, uno dei suoi sobborghi. Alcuni dei rifugiati di stare con i parenti, mentre altri vivono in scuole, cortili delle chiese e giardini pubblici.
Responsabile. Padre Yacoub ha perso la sua chiesa, ma sente di dover stare con le famiglie della chiesa pur avendo un visto aperto per entrare negli Stati Uniti, un paese che ha visitato due volte prima: "Mi sento responsabile per la mia gente. E 'un momento difficile e dobbiamo guardare fuori per l'altro ".
Il suo gruppo di rifugiati invocata Chiesa di cibo al loro arrivo a Erbil ma che presto esaurito. "Il Vescovo della nostra Chiesa, Mar Gregorius Saliba Shamoun, ci ha aiutato, ma le nostre risorse erano così poco. Era andato in fretta. "
Fino al loro esilio i cristiani Bartella potevano provvedere a se stessi. Molte case di proprietà e terreni agricoli fertili, il che significava cibo era sempre disponibile nei mercati. Ma ora sono completamente dipendenti dagli altri. "Siamo molto contenti che ora almeno possiamo ottenere forniture di base per le nostre famiglie" Padre Yacoub, ha detto. "Ma è strano per noi che ora dobbiamo chiedere organizzazioni umanitarie chiesa per aiutarci. "lotte. La comunità Bartella si è organizzata in modo tale che tutte le famiglie hanno registrato i loro nomi con Padre Yacoub, che ha negoziato per ottenere aiuto da ONG partner. Ma lui lotta ancora con la distribuzione: "E 'troppo difficile per noi di portare ogni sacchetto personalmente a ciascuna delle famiglie. Abbiamo una buona persona nella comunità locale la cui casa che usiamo per distribuire i beni, "ha detto. "Prendiamo il cibo e abbiamo una lista delle famiglie e di richiamarli in modo che possano venire a ritirare i materiali di consumo." Distribuzione di cibo e rifornimenti in Erbil ai rifugiati Bartella.
World Watch Monitor. Le borse che l'organizzazione umanitaria cristiana fornisce contenere sufficienti forniture di base per una famiglia per una settimana, ma non carne o verdure fresche. Padre Yacoub sente ancora si tratta di un contributo importante che sta facendo una grande differenza: "Voglio ringraziare tutti coloro che stanno inviando aiuto per noi nel nostro tempo di bisogno. Abbiamo davvero bisogno! "
Padre Yacoub è un uomo impegnato che ha ancora i servizi a prendere, come il leader della chiesa della comunità condusse all'esilio. Egli continua il suo dovere di diligenza per la comunità. Nel corso della giornata ha un servizio funebre per contenere e cerca di visitare le diverse famiglie sparse in tutta la città.
"Quando vengo a sedermi con loro, almeno ritengono che la chiesa non li ha dimenticati e che non sono soli. Gesù disse che perché lo hanno perseguitato, essi ci perseguiteranno. Ma ha anche detto che anche se ci troviamo di fronte tribolazione possiamo essere sicuri che Cristo ha vinto il mondo. "
Alla domanda su cosa la comunità internazionale può fare per sostenere lui e altri che vogliono rimanere nella loro terra natale, diventa passionale: "Per favore pregate; questo è il primo. Senza la preghiera non possiamo davvero fare, o iniziare o concludere nulla. Ma anche si prega di chiedere i vostri capi di aiutarci, in modo che possiamo tornare alle nostre case e di rimanere in Iraq. "
=====================
    'We want to stay in Iraq, but can't live like this anymore'
    'One week' deadlines for Iraqi Christians to convert or 'face the sword'
    Mosul's two kidnapped Chaldean nuns released
    Northern Iraq no longer safe for Christians
    Protestant union issues 'urgent appeal' to help Iraqi Christians
==================
ALL SATANIC ANTICHRIST NAZI ONU CRIMINAL COUNTRY ]  Afghanistan, Algeria Argentina Azerbaijan, Bangladesh Bhutan Bolivia. Brunei Darussalam Burma Cameroon, Central African Republic. China Colombia Cuba Eastern Europe And Eurasia, Egypt Eritrea Ethiopia Guinea Honduras India Indonesia, International, Iran, Iraq Israel, Jordan Kazakhstan Kenya, Kenya (north-east) Laos Lebanon Libya Malaysia Maldives Mali Mauritania, Mexico Middle East Morocco Nepal. Niger Nigeria Nigeria (north) North Korea North-korea, Other Other Africa Other Asia Other Latin America, Other Middle East, Pakistan. Palestinian Territories Peru Philippines, Russian Federation, Saudi Arabia, Senegal Somalia South Korea, South Sudan Sri Lanka Sudan Sudan (north) Sudan (south) Syria Tajikistan, Tanzania Tunisia Turkey. Turkmenistan Uganda Ukraine, United Kingdom, Uzbekistan Vietnam: Yemen https://www.worldwatchmonitor.org/ AMEN, ALLELUIA. HALLELUJAH. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!  https://www.youtube.com/user/KingxKingdom2/discussion
======================
Protestant union issues 'urgent appeal' to help Iraqi Christians. Published: September 05, 2014. Churches plead for help in face of 'existential threat'. Refugees from Mosul or towns on the Nineveh plain seeking shelter under a highway near Dohuk in the Kurdish region. They fled the violence caused by IS. August 7, 2014. Courtesy of Capni. Declaring the plight of Christians in the Middle East a "state of emergency," evangelical and Protestant churches in Syria and Lebanon have issued a plea for Western advocacy and aid. The Supreme Council of the Evangelical Community in Syria and Lebanon, meeting in Beirut on Aug. 29, issued an "urgent appeal" for political action and humanitarian aid to avert what it calls an "existential threat" to Christianity in the region. "The issue of Christian presence in the Middle East has gone beyond the stage of calling for equal rights and protection from persecution. It has become a cry of warning before further events cause the annihilation of Christian presence in the Middle East," the three-page statement reads. Signed by 29 people representing 26 denominational assemblies and seminaries, the joint statement requests: • Political pressure on worldwide governments to stop the violent campaign to rid the Middle East of Christians "This is especially important with regard to halting the flow of finances and arms to the 'takfiri' and radical groups," the statement read. "We urge you to influence these governments in order to put pressure on the international and regional powers that support these radicals." Takfiri is a word used to describe Sunni Muslims who regard other Muslims as apostates, and non-Muslims as infidels who deserve death.
• A strategy to "support Christian presence in the East." "This has been, and must continue to be, achieved through the strengthening of educational and social institutions that have, and continue to contribute vigorously to the rejection of radicalism and violence," the statement said. • Food, water, medicine and other humanitarian aid to war victims and refugees forced to flee violence.  "Our hope is that you act swiftly before it is too late," the statement concludes.
The council's statement is directed to evangelical and Protestant Christians, urging them to "act as soon as possible." Even before the Aug. 29 statement, some church leaders had already begun to agitate for action. Two weeks earlier, the Church of England pointedly pressed UK Prime Minister David Cameron on what the Rt. Rev. Nicholas Baines, the bishop of Leeds, said was an unclear strategy. [W]e do not seem to have a coherent or comprehensive approach to Islamist extremism as it is developing across the globe," wrote Baines, who said his letter had the support of the Archbishop of Canterbury, Justin Welby. On Sept. 4, prior to a meeting with US President Barak Obama ahead of a NATO summit in Wales, Cameron said he is open to UK airstrikes against the militant jihadist force that calls itself the Islamic State, and that he wants to provide Kurds in the north of Iraq with arms to help defend themselves and the hundreds of thousands of ethnic and religious minorities, many of them Christian, who have flooded the Kurdish region to escape IS death threats. "[W]e must work with partners to put a fatal squeeze on the organisation, but it must start with helping those on the ground that are fighting this organisation," Cameron was quoted as saying by the Guardian. Inside Iraq, Chaldean Catholic Patriarch Louis Sako has put his name behind a month-old campaign to stop guaranteeing each religion a federal ministry seat. The "Ministries Without Quotas" campaign has proposed that appointments to the ministries of education, higher education, culture and sports be made based on merit, not sectarian affiliation, which the campaign says has produced ineffective government. Though not part of Iraqi law, the quota system was created after the US-led invasion that drove out Saddam Hussein, in an attempt to ensure that Sunni Muslims, Shiite Muslims, and ethnic Kurds are represented at the government's highest level. Sako "has blessed the campaign," according to a Ministries Without Quotas statement published by Ankawa, an independent Iraqi news website.
«Appello urgente 'questioni sindacali protestanti per aiutare i cristiani iracheni. Pubblicato: September 05, 2014 Chiese invocare aiuto di fronte 'minaccia esistenziale'. I rifugiati da Mosul o città della piana di Ninive cercando riparo sotto un autostrada vicino Dohuk nella regione curda. Fuggirono la violenza causata da IS. 7 agosto 2014 Per gentile concessione di Capni. Dichiarare la difficile situazione dei cristiani in Medio Oriente "stato di emergenza", chiese evangeliche e protestanti in Siria e Libano hanno emesso un appello per la difesa occidentale e gli aiuti. Il Consiglio Supremo della Comunità Evangelica in Siria e Libano, riuniti a Beirut il 29 agosto, ha emesso un "appello urgente" per l'azione politica e di aiuti umanitari per scongiurare quello che definisce una "minaccia esistenziale" per il cristianesimo nella regione. "La questione della presenza cristiana in Medio Oriente è andata oltre la fase di chiamare per la parità di diritti e la protezione da persecuzioni. E 'diventato un grido di avvertimento prima di ulteriori eventi provocano l'annientamento della presenza cristiana in Medio Oriente, "la dichiarazione di tre pagine si legge. Firmato da 29 persone in rappresentanza di 26 gruppi confessionali e seminari, le richieste di dichiarazione congiunta: • pressione politica sui governi di tutto il mondo per fermare la violenta campagna per liberare il Medio Oriente dei cristiani "Questo è particolarmente importante per arrestare il flusso delle finanze e le braccia per il 'Takfiri' e gruppi radicali, "leggere la dichiarazione. "Vi invitiamo a influenzare questi governi, al fine di esercitare pressioni sui poteri internazionali e regionali che supportano questi radicali." Takfiri è una parola usata per descrivere musulmani sunniti che considerano altri musulmani come apostati, e non musulmani come infedeli che meritano la morte .
• Una strategia di "sostenere la presenza cristiana in Oriente." "Questo è stato, e deve continuare ad essere, raggiunto attraverso il rafforzamento delle istituzioni educative e sociali che hanno, e continuano a contribuire con forza al rifiuto del radicalismo e la violenza" la dichiarazione ha detto. • Il cibo, acqua, medicine e altri aiuti umanitari alle vittime di guerra e rifugiati costretti a fuggire alla violenza. "La nostra speranza è che si agisce rapidamente prima che sia troppo tardi", conclude il comunicato.
La dichiarazione del Consiglio è diretta ai cristiani evangelici e protestanti, esortandoli a "agire il più presto possibile." Anche prima della dichiarazione 29 agosto, alcuni leader della Chiesa avevano già cominciato a mobilitarsi per azione. Due settimane prima, la Chiesa d'Inghilterra acutamente premuto il primo ministro britannico David Cameron su ciò che il Rt. Rev. Nicholas Baines, il vescovo di Leeds, ha detto che era una strategia chiara. [W] e non sembrano avere un approccio coerente e globale per l'estremismo islamico, come si sta sviluppando in tutto il mondo, "ha scritto Baines, che ha detto la sua lettera ha avuto l'appoggio dell'arcivescovo di Canterbury, Justin Welby. Il 4 settembre, prima di un incontro con il presidente Usa Barack Obama in vista di un vertice Nato in Galles, Cameron ha detto che è aperto per attacchi aerei del Regno Unito contro la forza jihadista militante che si definisce lo Stato islamico, e che vuole fornire curdi in il nord dell'Iraq con le armi per difendere se stessi e le centinaia di migliaia di minoranze etniche e religiose, molti dei quali cristiani, che hanno inondato la regione curda per sfuggire IS minacce di morte. "[W] e deve lavorare con i partner per mettere una stretta mortale sulla organizzazione, ma deve iniziare con aiutando chi opera sul campo che stanno combattendo questa organizzazione," Cameron è stato citato come dicendo dal Guardian. All'interno Iraq, patriarca cattolico caldeo Louis Sako ha messo il suo nome dietro una campagna di mesi per fermare garantendo ogni religione un posto ministero federale. Il "ministeri senza quote" campagna ha proposto che le nomine ai ministeri dell'educazione, dell'istruzione superiore, della cultura e dello sport essere basata sul merito, non appartenenza settaria, che la campagna ha prodotto dice governo inefficace. Anche se non fa parte della legge irachena, il sistema delle quote è stato creato dopo l'invasione guidata dagli Usa che ha spinto fuori Saddam Hussein, nel tentativo di garantire che i musulmani sunniti, musulmani sciiti e curdi sono rappresentati al massimo livello del governo. Sako "ha benedetto la campagna", secondo una ministeri senza quote dichiarazione pubblicata da Ankawa, un sito web indipendente di notizie iracheno.
==========================
    'We want to stay in Iraq, but can't live like this anymore'
    'One week' deadlines for Iraqi Christians to convert or 'face the sword'
    A timeline of ISIS terror
    IS invades monastery, steals 'everything' from Iraqi Christians
    Mosul's two kidnapped Chaldean nuns released
=============================
https://www.youtube.com/watch?v=PnytJWkKw7k  Pubblicato il 11/set/2013 Questo documentario di 5 ore riassume tutti gli argomenti principali che hanno dato vita al dibattito sull'11 settembre negli ultimi 10 anni, a livello internazionale. Da una parte vengono presentate, in modo ampiamente documentato, tutte le prove che smentiscono la versione ufficiale raccolte dal Movimento per la Verità sull'11 settembre. Dall'altra potrete ascoltare, direttamente dalla loro voce, tutte le risposte che i difensori della versione ufficiale - i "debunkers" - hanno saputo dare per ciascuna di queste prove. Sezione per sezione, argomento per argomento, lo spettatore viene messo in grado di decidere da solo quali di queste prove siano veramente valide e quali no. /watch?v=PnytJWkKw7k Se il documentario ti è piaciuto e vuoi aiutare il sito a crescere, acquista un dvd su http://shop.luogocomune.net/
https://www.youtube.com/channel/UC6sEhUjj0qR6R3oZWg5XqLw

IS leaflets spread in Pakistan; 1200 Christians displaced as army attacked militants, Published: September 03, 2014 Qissa Khanni Bazaar in Peshawar, Pakistan. ‎November‎ ‎2008. EUPK/ Flickr / Creative Commons
In what looks like a bid to extend its influence in the South Asian region, IS militants have allegedly distributed 12-page pamphlets in the north-west of Pakistan, in Peshawar and in Afghan refugee camps based near its outskirts.
Written in Pashto and Dari, and titled Fatah (Victory) the editor's name, however, appears fake and their place of publication obscure. For a long time, Afghan resistance groups, including the Haqqani Network, Hizb-e-Islami Afghanistan and the Tora Bora group have published similar pamphlets, magazines and propaganda literature in Peshawar's black markets. However this latest spread has raised fears of a possible link between IS and such militants, threatening all non-Muslims. As the Islamic State declared a caliphate in areas of Iraq and Syria, Pakistan launched a joint military offensive to end a 'caliphate' apparently set up by a Pakistani Taliban cluster of over 35 groups, Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) in north Pakistan's lawless tribal areas along its Afghan border. A number of the local and foreign militant groups said they wanted to "strive for the enforcement of Islamic Shariah not only in Pakistan and Afghanistan but throughout the world". The attack against them by the Pakistani Army started in mid-June, but air attacks (including by helicopter gunships) continued into August. Today September 3rd, it said it has killed at least 910 suspected militants since June. North Waziristan Agency has long been considered an epicentre of international terrorism and was virtually ruled by the TTP, since the central Pakistani government has lacked will to establish its writ. Operation Zarb-e-Azb
In the wake of this full-fledged military offensive called Zarb-e-Azb, meaning the "sharp strike with the sword of Prophet Muhammad," at least 700,000 residents of North Waziristan have been internally displaced while another 75,000 to 100,000 have crossed into Afghanistan. Pakistan is already home to the largest displaced population of Afghans, 1.6 million refugees.
More than 52,000 Pakistanis have been killed in terror attacks since 9/11. There have been about 5,000 bomb blasts and 400 suicide bombings but Pakistan has remained reluctant to conduct an operation against the Taliban. According to the Pew Research Center, 58% of Pakistanis view the Taliban unfavourably, while only 8% have a favourable view of them.
The U.S. has long been urging Pakistan to conduct an operation against the Taliban in the tribal regions. Pakistan conducted a joint military operation in April 2009 in the area of Swat. The army generals were ready to launch a full offensive on the Taliban in North Waziristan but the then military chief feared a backlash from the religious right and delayed the operation.
A commentary by analyst Michael Kugelman in the Wall Street Journal sees the operation as too little and too late. He believes that the entire success of the operation depends on Pakistan's willingness to eradicate all militant factions without considering any of them what he calls "good," and useful against neighbouring countries.
Christian families taking refuge at St. John Bosco School. Bannu, Pakistan. Kamran Chaudhry
Fleeing for their lives. Most internally displaced people have fled to Bannu, about 65 kilometres from North Waziristan. Among them are about 1,200 Christians who first stayed in the Anglican mission-run Pennell High School and Girls' College, and John Bosco Catholic School. Now all of them have been relocated to the compound of the Catholic Church of the Holy Name. The region's Minority Workers' Society President Khalid Iqbal, told World Watch Monitor that most of the Christians had fled from Miramshah and Mir Ali.
"We continuously walked for more than 24-hours to reach Bannu because curfew was lifted only for a day…The first two weeks there was no government set-up in Bannu to help us, but the Church of Pakistan provided us with food and shelter." Bishop Peters S. Humphrey of the Peshawar Diocese told World Watch Monitor that as soon as the government's military operation was announced, the church readied arrangements for North Waziristan's Christians in Bannu. "We could not leave our people in the lurch, and we also opened our doors for all minorities. There are about 12 Hindus and four Shi'ite families living along with the Christians."
Iqbal said the registration process for people who are internally displaced was slow which is why most of them hadn't yet received the government monthly financial support of 12,000 Pakistani rupees ($120) when he spoke to us. He said due to the shortage of cots and beds, most of them were sleeping on the ground - fearing possible snakebites as well. However, Bannu Deputy Commissioner Muhammad Ayaz Khan told World Watch Monitor that food had been delivered to the Christians in the schools where they stayed. He said a request for cots had been sent to Islamabad. "We are in the process of registration and as soon as that's done, compensation would be given to every internally displaced person without discrimination," said Ayaz. None of these Christians are descendants of the local Pashtoon tribes. Rather all of them are Christians receiving relief aid at St. John Bosco School. Bannu, Pakistan
Kamran Chaudhry. children of Christians from Pakistan's Punjab plains, who migrated to these mountainous areas decades ago. "My grandfather came to this land but I was born here and Miramshah is my home," said Iqbal. "I pray that the operation finishes soon and we all return to our homes."
Daily life for Christians under the Taliban. There are several difficulties in these remote areas, of which even other Pakistani Christians are unaware. Being of non-Pashtoon descent, the Taliban has treated Christians relatively well under Pashtoon tribal values: Iqbal said the Taliban ordered all the men to grow beards but not the minorities. "Once they detained me over shaving but released me after I told them that Christianity does not oblige me to grow a beard."
Pakistan's leading English newspaper reports that some Christians have been accused by the Taliban of spying for the government. Iqbal said that once the Taliban had realized that Christians were peace-loving people, they did not disturb them. Minarets in Hayatabad, Peshawa. Pakistan ‎June‎ ‎21‎, ‎2010
Muzaffar Bukhari/ Flickr/ Creative Commons. However, a Christian woman from North Waziristan has told BBC Urdu that even Christian women had to observe purdah: the Islamic practice used to prevent men from seeing women through forms of forced segregation and women wearing veils.
In September last year two suicide bombers killed more than 80 Christians as they worshipped in All Saints Church in Peshawar. The main Taliban denied any link with the bombings (which were, however, claimed by a TTP splinter group, Jundullah) but condoned the act saying "We didn't carry out the church attack. However, we believe it's according to the Sharia". However, Iqbal confirmed what was reported in Dawn - that North Waziristan's local Taliban expressed their sorrow with the local Christians, and even sent "a message of sympathy and condolence".
But girls' education has become difficult to obtain for all of the locals. "It is more than a year since the Taliban closed down Miramshah Government Girls' Degree College and other schools in the area because they considered girls' education un-Islamic," said Iqbal. "These issues may not remain there after the operation is conducted in the area," said Iqbal, "but other issues are going to be there when we return to our homes".
Iqbal said the Pakistan government is neither willing to give them a place for worship nor respectable jobs. "A good number of Christians in North Waziristan work as truck mechanics, trailers and teachers but the majority of them work as sanitary workers, or 'sweepers', because of discriminatory treatment," he said.
Iqbal said the Pakistani government is only willing to allow Christians in tribal areas to work as street sweepers.
Traditionally, under the Indian caste system the occupation of 'sweeping' is attached with 'untouchables' and a social stigma of uncleanness and degradation is attached with it.
"The only profession for Christian girls available for some time was teaching, because tribal Muslims found it indecent to send their females out of the home for work," Iqbal said. He said now doors have been closed on Christians in this profession too. Iqbal also said Sunday worship takes place on a road and, despite repeated requests, the government has been unwilling to assign them a building.
IS volantini sparsi in Pakistan; 1200 I cristiani sfollati come esercito ha attaccato i militanti, Pubblicato: 3 settembre 2014 Qissa Khanni Bazaar di Peshawar, Pakistan. Novembre 2008. EUPK / Flickr / Creative Commons
In quello che sembra un tentativo di estendere la sua influenza nella regione dell'Asia meridionale, IS militanti hanno presumibilmente distribuito opuscoli di 12 pagine, nel nord-ovest del Pakistan, a Peshawar e nei campi profughi afghani basate prossimità dei suoi dintorni.
Scritto in Pashto e Dari, e intitolato Fatah (Vittoria) il nome del redattore, tuttavia, appare falso e il luogo di pubblicazione oscuro. Per lungo tempo, gruppi di resistenza afghani, tra cui la rete Haqqani, Hizb-e-Islami Afghanistan e il gruppo Tora Bora hanno pubblicato simile opuscoli, riviste e letteratura di propaganda nei mercati neri di Peshawar. Tuttavia questo ultimo spread ha sollevato timori di un possibile legame tra IS e tali militanti, minacciando tutti i non-musulmani. Come lo Stato islamico dichiarato un califfato in aree di Iraq e Siria, il Pakistan ha lanciato un'offensiva militare congiunta per terminare un 'califfato' apparentemente costituito da un gruppo talebano pakistano di oltre 35 gruppi, Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) a nord fuorilegge aree tribali del Pakistan lungo il suo confine con l'Afghanistan. Un certo numero di gruppi militanti locali e stranieri, ha detto di voler "lottare per l'applicazione della Sharia islamica non solo in Pakistan e in Afghanistan ma in tutto il mondo". L'attacco contro di loro dall'esercito pakistano ha iniziato a metà giugno, ma gli attacchi aerei (anche con elicotteri) è proseguito nel mese di agosto. Oggi 3 settembre, ha detto che ha ucciso almeno 910 sospetti militanti da giugno. Nord Waziristan Agency è stata a lungo considerata un epicentro del terrorismo internazionale ed è stato praticamente governato dal TTP, dal momento che il governo pakistano centrale è mancata la volontà di stabilire il suo mandato. Operazione Zarb-e-AZB
Sulla scia di questa offensiva militare a pieno titolo chiamato Zarb-e-AZB, che significa "tagliente colpo con la spada del Profeta Muhammad," almeno 700.000 residenti del Nord Waziristan sono stati sfollati, mentre un altro 75.000 a 100.000 hanno attraversato in Afghanistan . Il Pakistan è già ospita la più grande popolazione sfollata di afgani, 1,6 milioni di rifugiati.
Più di 52.000 pakistani sono stati uccisi in attacchi terroristici dal 9/11. Ci sono stati circa 5.000 bombe e 400 attentati suicidi, ma il Pakistan è rimasto riluttante a condurre un'operazione contro i talebani. Secondo il Pew Research Center, il 58% dei pakistani visualizzare talebani sfavorevole, mentre solo l'8% ha un'opinione favorevole di loro.
Gli Stati Uniti è da tempo sollecitando il Pakistan per condurre un'operazione contro i talebani nelle regioni tribali. Il Pakistan ha condotto un'operazione militare congiunta nel mese di aprile 2009 nella zona di Swat. I generali dell'esercito erano pronti a lanciare un'offensiva completa sulle talebani nel Nord Waziristan, ma poi il capo militare temeva un contraccolpo dalla destra religiosa e ritardato l'operazione.
Un commento di analista Michael Kugelman sul Wall Street Journal vede l'operazione come troppo poco e troppo tardi. Egli ritiene che l'intera successo dell'operazione dipende dalla volontà del Pakistan di sradicare tutte le fazioni militanti senza considerare nessuno di loro ciò che egli chiama "bene", e utile contro i paesi confinanti.
Famiglie cristiane che si rifugiò a San Giovanni Bosco School. Bannu, Pakistan. Kamran Chaudhry
In fuga per la loro vita. La maggior parte degli sfollati sono fuggiti a Bannu, a circa 65 chilometri da nord Waziristan. Tra loro ci sono circa 1.200 cristiani che prima alloggiato nella Pennell Liceo mission-run anglicana e Collegio ragazze, e Giovanni Bosco Scuola Cattolica. Ora tutti loro sono stati trasferiti al composto della Chiesa cattolica del Santo Nome. Della regione di pertinenza di terzi dei lavoratori Presidente Società Khalid Iqbal, ha detto World Watch Monitor che la maggior parte dei cristiani fuggiti da Miramshah e Mir Ali.
"Abbiamo camminato ininterrottamente per più di 24 ore per raggiungere Bannu perché il coprifuoco è stato tolto solo per un giorno ... Le prime due settimane non c'era nessun governo di set-up in Bannu per aiutare noi, ma la Chiesa del Pakistan ci ha fornito cibo e riparo . " Vescovo S. Peters Humphrey della diocesi di Peshawar ha detto World Watch Monitor che non appena operazione militare del governo è stata annunciata, la chiesa preparò disposizioni per i cristiani del Nord Waziristan a Bannu. "Non potevamo lasciare la nostra gente nei guai, e abbiamo anche aperto le porte per tutte le minoranze. Ci sono circa 12 indù e quattro famiglie sciite che vivono insieme con i cristiani."
Iqbal ha detto che il processo di registrazione per le persone che sono sfollate internamente era lento, che è il motivo per cui la maggior parte di loro non avevano ancora ricevuto il sostegno finanziario del governo mensile di 12.000 rupie pakistane ($ 120) quando ha parlato a noi. Ha detto che a causa della carenza di culle e letti, la maggior parte di loro erano a dormire per terra - temendo possibili morsi di serpente pure. Tuttavia, Bannu Vice Commissario Muhammad Ayaz Khan ha detto World Watch Monitor che il cibo era stato consegnato ai cristiani nelle scuole dove hanno soggiornato. Ha detto che una richiesta in culla era stato inviato a Islamabad. "Siamo in fase di registrazione e, non appena questo è fatto, il risarcimento sarebbe stata data ad ogni persona sfollati senza alcuna discriminazione", ha detto Ayaz. Nessuno di questi cristiani sono discendenti delle tribù Pashtoon locali. Piuttosto tutti sono cristiani che ricevono aiuti sollievo a San Giovanni Bosco School. Bannu, Pakistan
Kamran Chaudhry. figli di cristiani provenienti da pianure Punjab del Pakistan, che migrarono a queste zone montuose decenni fa. "Mio nonno è venuto in questa terra, ma sono nato qui e Miramshah è la mia casa", ha detto Iqbal. "Prego che l'operazione termina presto e tutti torniamo alle nostre case."
La vita quotidiana dei cristiani sotto i talebani. Ci sono varie difficoltà in queste aree remote, di cui anche altri cristiani pakistani sono a conoscenza. Essendo dei non-Pashtoon discesa, i talebani ha trattato i cristiani relativamente bene sotto Pashtoon valori tribali: Iqbal ha detto che i talebani ordinò a tutti gli uomini a crescere la barba, ma non le minoranze. "Una volta mi hanno arrestato nel corso di rasatura ma mi rilasciarono dopo che ho detto loro che il cristianesimo non mi obbliga a crescere la barba."
Principale giornale inglese del Pakistan riferisce che alcuni cristiani sono stati accusati dai talebani di spionaggio per conto del governo. Iqbal ha detto che una volta che i talebani si era reso conto che i cristiani erano persone che amano la pace, essi non li disturbano. Minareti in Hayatabad, Peshawa. Pakistan 21 Giu 2010
Muzaffar Bukhari / Flickr / Creative Commons. Tuttavia, una donna cristiana dal Nord Waziristan ha detto a BBC Urdu che anche le donne cristiane dovevano osservare purdah: la pratica islamica usato per impedire agli uomini di vedere le donne attraverso forme di segregazione forzata e donne che indossano il velo.
Nel settembre dello scorso anno due attentatori suicidi hanno ucciso più di 80 cristiani, che adoravano in All Saints Church a Peshawar. Il principale talebani negato qualsiasi legame con gli attentati (che erano, però, rivendicato da un gruppo TTP scheggia, Jundullah) ma condivisibili l'atto dicendo: "Non abbiamo effettuiamo l'attacco chiesa. Tuttavia, crediamo che sia secondo la Sharia" . Tuttavia, Iqbal ha confermato ciò che è stato riportato in Dawn - che i talebani locali del Nord Waziristan espresso il loro dolore con i cristiani locali, e anche inviato "un messaggio di cordoglio e condoglianze".
Ma l'istruzione femminile è diventato difficile da ottenere per tutti i locali. "E 'più di un anno da quando i talebani chiuso Miramshah Governo ragazze Laurea College e altre scuole della zona, perché considerati ragazze educazione anti-islamico", ha detto Iqbal. "Questi problemi non possono rimanere lì dopo l'operazione è condotta nella zona", ha detto Iqbal, "ma altri problemi stanno per essere lì quando torneremo alle nostre case".
Iqbal ha detto che il governo del Pakistan non è né disposto a dare loro un luogo per il culto, né i lavori rispettabili. "Un buon numero di cristiani nel Nord Waziristan funziona come la meccanica di camion, rimorchi e insegnanti, ma la maggior parte di loro lavorano come lavoratori sanitari, o 'spazzini', a causa del trattamento discriminatorio," ha detto.
Iqbal ha detto che il governo pakistano è disposto a permettere i cristiani in aree tribali a lavorare come spazzini. Tradizionalmente, nell'ambito del sistema delle caste indiano l'occupazione di 'spazzare' è attaccato con 'intoccabili' e uno stigma sociale di impurità e di degrado è collegato con esso.
"L'unica professione per le ragazze cristiane sono disponibili da qualche tempo era l'insegnamento, perché i musulmani tribali trovarono indecente di inviare loro femmine fuori casa per lavoro", ha detto Iqbal. Ha detto che ora le porte sono state chiuse ai cristiani in questa professione troppo. Iqbal ha anche detto Domenica il culto si svolge su una strada e, nonostante le ripetute richieste, il governo è stato riluttante ad assegnare loro un edificio.
=============
    'We want to stay in Iraq, but can't live like this anymore'
    Two Finnish Christian aid workers killed in Afghanistan
    IS invades monastery, steals 'everything' from Iraqi Christians
    Indian priest kidnapped in Afghanistan
    After the bombs
==========================
NON è LA PRIMA VOLTA. CHE KIEV FUCILA, I SOLDATI UCRAINI, CHE, SI RIFIUTANO DI UCCIDERE I LORO FRATELLI NEL DOMBASS! ]
La Guardia Nazionale nega l'esecuzione di 30 compagni vicino a Donetsk. Prima di oggi, la milizia aveva detto che i soldati ucraini della Guardia Nazionale avevano passato alle armi nel villaggio Elenovka (nei pressi di Donetsk in Ucraina) 30 compagni accusati di diserzione o di essere passati dalla parte dell'autoproclamatasi Repubblica Popolare di Donetsk.
Secondo le milizie una colonna di rinforzi ucraini che si muoveva a Mariupol praticamente è stata spazzata via dalle forze dell'ordine ucraine con i sistemi "Grad". In risposta alle accuse dei miliziani, l'ufficio stampa della Guardia Nazionale ha detto di "negare le informazioni circa l'esecuzione dei colleghi, in quanto ciò è assurdo e non ha alcun rapporto con gli eventi reali".
 https://www.youtube.com/user/KingxKingdom2/discussion
Sovereign peoples,have voted democratically, in the Crimea, and Dombass, have also convened a universal plebiscite on constitutional way, but Satanists and Freemasons Bildenberg NATO unleashed the nuclear world war to raise their reign of Satan 322 Bush, JabullOn, Rothschild caliphate sharia worldwide, nazi ummah, usurocrazia: Spa, FED, ECB, IMF: World Bank, Gender ideology Sodom worship at all: the satan sinagogue talmud Quran: agenda, you kill Israel!
I popoli russofoni sovrani hanno votato democraticamente, in Crimea, e nel Dombass, si sono anche orgnizzato a plebiscito universale in modo costituzionale, ma, Bildenberg e i satanisti massoni della NATO hanno scatenato la guerra mondiale nucleare per innalzare il loro regno di satana Rothschild JabullOn, usurocrazia mondiale: Spa FMI, FED, BCE: Banca Mondiale, culto Gender ideologia sodoma a tutti!
In its effort to thwart the Islamic State's expansion in Syria, the United States should invest in institution-building and local leadership before sending military aid, a leading Syrian oppositionist said Thursday, during his first visit to Israel in a personal capacity to attend the annual International Conference on Counter-Terrorism in Herzliya.
Speaking on the sidelines of the conference, Kamal al-Labwani, a former political prisoner of the Assad regime currently residing in Sweden, said US President Barack Obama's policy speech on Wednesday — in which he outlined his plan for eradicating the Islamic State — was important in recognizing the existence of a moderate Syrian opposition in need of strengthening. Labwani described his 10-day visit to Israel as "academic" and "exploratory" and stated he was prepared to meet with Israeli policymakers "whenever they want."He said that America's top priority in Syria should be investment in local organizations and infrastructure, lest US military support be funneled to extremists."Currently, the aid could fall into the wrong hands in the absence of good management and oversight," Labwani said. "Real authority on the ground requires investment in organization before the aid is even sent."
Syrian opposition leader Kamal al-Labwani (right) at the ICT conference in Herzliya, September 11, 2014 On Wednesday, Obama announced that the US has "ramped up its military assistance to the Syrian opposition," calling on Congress to allocate more funds for training and equipping moderate anti-regime fighters. The US president ruled out the possibility of cooperating with the Assad regime — which he said "will never regain the legitimacy it has lost" — in combating the Islamic State. Labwani seconded that sentiment. "We cannot fight terror with terror or crime with crime," he said. "We must combat all the criminals, be they the regime or the terrorists from the Islamic State and the other gangs. You can't have the Syrian people choose between a criminal named Bashar Assad or a terrorist named [Abu Bakr] al-Baghdadi." The crimes committed by the Assad regime are "much more numerous, and heinous, than those committed by the Islamic State," said Labwani, who spent a decade of his life in and out of Assad prisons. He feared that in the West's eagerness to combat the Islamic State, the Shiite terrorism of Hezbollah and the Assad regime may be neglected, causing the Sunni majority in Syria to feel as though the US is engaged in a sectarian battle against them. 'They [the Americans] have counted on failed regimes. They gave a portfolio to Qatar and a portfolio to Saudi Arabia … but it's the Syrians who must take responsibility and run their own lives'
But Syria's Supreme Military Council, the command center of the moderate Free Syrian Army based in Turkey and headed by Brigadier General Abdul-Ilah- al-Bashir, currently has no control over soldiers on the ground, Labwani said. The Istanbul-based Opposition Coalition, a political organ of which Labwani used to be a member, similarly has no bearing on people inside the country, he said.
"We must reconstruct a new leadership connected to the people," he said. "This would also require a no-fly zone. It would be pointless to create a system inside and have the [Assad] regime destroy it."
So far, interested regional powers have been funding military units within Syria that advance their own agendas in the country, a situation Labwani said was unsustainable.
"They [the Americans] have relied on failed regimes. They gave a portfolio to Qatar and a portfolio to Saudi Arabia … but it's the Syrians who must take responsibility and run their own lives. We could, for instance, form a base in liberated areas in the north and the south and establish good relations with people. But to receive orders from a Saudi sheikh or a Qatari sheikh or from foreign intelligence agencies? That won't work."
"How can we turn this chaos into order? We need to build an authority on the ground. This requires a budget, an economy, institutions, reconstruction, protection. Weapons aren't enough."
Syrian opposition leader skeptical of US plan to arm rebels | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/syrian-opposition-leader-skeptical-of-us-plan-to-arm-rebels/#ixzz3D2vsYhu0
Nel suo sforzo di contrastare l'espansione dello Stato islamico in Siria, gli Stati Uniti dovrebbero investire in istituzioni e leadership locale prima di inviare aiuti militari, un oppositore siriano leader ha detto Giovedi, durante la sua prima visita in Israele a titolo personale per partecipare alla annuale Conferenza internazionale sulla lotta contro il terrorismo in Herzliya.
Parlando a margine della conferenza, Kamal al-Labwani, un ex prigioniero politico del regime di Assad attualmente residente in Svezia, ha detto discorso di politica del presidente Usa Barack Obama il Mercoledì - in cui ha delineato il suo piano per sradicare lo Stato islamico - era importante nel riconoscere l'esistenza di una opposizione siriana moderata bisogno di rafforzamento. Labwani descritto la sua visita di 10 giorni in Israele come "accademica" e "esplorativa" e si è dichiarato disposto a incontrarsi con i responsabili politici israeliani "ogni volta che vogliono." Ha detto che la massima priorità dell'America in Siria dovrebbe essere investimenti in organizzazioni locali e le infrastrutture, per timore che il sostegno militare degli Stati Uniti essere incanalato per gli estremisti. "Attualmente, l'aiuto potrebbe cadere nelle mani sbagliate in assenza di buona gestione e di controllo", ha detto Labwani. "Autorità reale sul terreno richiede investimenti in organizzazione prima l'aiuto viene anche inviato."
Leader dell'opposizione siriana Kamal al-Labwani (a destra) in occasione della conferenza ICT a Herzliya, 11 settembre 2014 Mercoledì scorso, Obama ha annunciato che gli Stati Uniti hanno "intensificato la sua assistenza militare all'opposizione siriana", invitando il Congresso a stanziare più fondi per formazione e l'equipaggiamento moderati combattenti anti-regime. Il presidente degli Stati Uniti ha escluso la possibilità di cooperare con il regime di Assad - che ha detto "non potrà mai riconquistare la legittimità che ha perso" - nella lotta contro lo Stato islamico. Labwani distaccato quel sentimento. "Non possiamo combattere il terrore con il terrore o il crimine con il crimine", ha detto. "Dobbiamo lottare contro tutti i criminali, siano essi il regime o terroristi dello Stato islamico e le altre bande. Non si può avere il popolo siriano scegliere tra un criminale di nome Bashar Assad o un terrorista di nome [Abu Bakr] al-Baghdadi. "I crimini commessi dal regime di Assad sono" molto più numerosi, e atroce, di quelli commessi da islamici Stato ", ha detto Labwani, che ha trascorso un decennio della sua vita dentro e fuori le carceri Assad. Temeva che nel desiderio dell'Occidente per combattere lo Stato islamico, il terrorismo sciita di Hezbollah e il regime di Assad può essere trascurato, causando la maggioranza sunnita in Siria per sentire come se gli Stati Uniti sono impegnati in una battaglia settaria contro di loro. 'Loro [gli americani] hanno contato sui regimi falliti. Hanno dato un portafoglio di Qatar e un portafoglio in Arabia Saudita ... ma è i siriani che deve assumersi la responsabilità e gestire la propria vita "
Ma Supremo Consiglio militare della Siria, il centro di comando del moderato esercito siriano libero con sede in Turchia e guidato dal generale di brigata Abdul-Ilah- al-Bashir, ha attualmente alcun controllo su soldati sul terreno, Labwani detto. L'opposizione Coalizione con sede a Istanbul, un organo politico di cui Labwani usato per essere un membro, non ha parimenti alcun rapporto con le persone all'interno del paese, ha detto.
"Dobbiamo ricostruire una nuova leadership contatto con le persone," ha detto. "Ciò richiederebbe anche una no-fly zone. Non avrebbe senso creare un sistema all'interno e hanno il regime di [Assad] distruggerla. "
Finora, interessati potenze regionali sono state finanziando unità militari all'interno della Siria che portano avanti i loro programmi nel paese, una situazione Labwani detto era insostenibile.
"Loro [gli americani] hanno fatto affidamento sui regimi falliti. Hanno dato un portafoglio di Qatar e un portafoglio in Arabia Saudita ... ma è i siriani che devono assumersi la responsabilità ed eseguire la propria vita. Potremmo, per esempio, formare una base nelle zone liberate del nord e del sud e stabilire buone relazioni con le persone. Ma a ricevere ordini da uno sceicco saudita o di uno sceicco del Qatar o da agenzie di intelligence straniere? Non funzionerà. "
"Come possiamo trasformare questo caos in ordine? Dobbiamo costruire una autorità sul terreno. Ciò richiede un budget, una economia, le istituzioni, la ricostruzione, la protezione. Le armi non sono sufficienti. "
Il leader dell'opposizione siriana scettico degli Stati Uniti prevede di armare i ribelli | The Times of Israel http://www.timesofisrael.com/syrian-opposition-leader-skeptical-of-us-plan-to-arm-rebels/#ixzz3D2vsYhu0
Benjamin Netanyahu - non si e no: sharia! o è si sharia e tu muori, o è no: sharia, e tu uccidi! SE, TU NON UCCIDI TUTTA LA LEGA ARABA, TU FALLIRAI CON LE 12 TRIBù DI ISRAELE, E LA GUERRA MONDIALE NON POTRà ESSERE EVITATA PER COLPA TUA! #Siria, Forze di sicurezza e di difesa nazionale sequestra deposito armi in città Jableh sobborgo #Lattakia, cattura 4 terroristi, tra le armi granate di fabbricazione israeliana.
http://youtu.be/8O1yUd-hCvw #Siria, Donne volontarie tra le forze di difesa nazionale per proteggere il quartiere Dukhanieh sobborgo est #Damasco, dopo il tentativo di terroristi il lunedì sera di infiltrasi nel quartiere che a sua volta conduce alla città di Jaramana e il quartiere Dwelaa.
Il tentativo è stato avviato quando un gruppo di terroristi vestiti da militari sono entrati nel quartiere avvisando i cittadini di dover evacuare il quartiere dopo informazioni che il fronte Nusra sta per attaccare il quartiere.
#Siria, Comando Generale dell'esercito e delle Forze Armate: Bonificata Halfaya e 10 villaggi in sobborgo nord Hama
Unità dell'esercito e delle forze armate in collaborazione con le forze di difesa nazionale, hanno controllato completamente, la città di Halfaya e la sua periferia, dopo aver bonificato e ripristino la sicurezza e la stabilità ai villaggi e città Arzah, Khatab, Khirbet Hujamah, Balhassien, Qassiyiah, Chara'ya Tal Samsam e le colline a ovest della città di Taybet al-Imam nella periferia nord di Hama, uccidendo molti terroristi e mercenari e distruggendo grandi quantità di armi e munizioni.
Una dichiarazione rilasciata in occasione, il Comando Generale dell'esercito e delle Forze Armate ha detto che questo risultato è il frutto di una serie di operazioni specifiche da parte dell'esercito arabo siriano contro i gruppi terroristici.
Il Comando generale ha aggiunto che questo successo e lo sradicamento dei gruppi terroristici dalla periferia nord di Hama raffigura la volontà del nostro popolo di eliminare il terrorismo takfirista da tutta la Patria. #Kerry domani ad #Ankara, dopo che, la Turchia ha rifiutato di permettere alla coalizione guidata dagli #USA di usare le sue basi aeree per attaccare #ISIS in #Siria e #Iraq.. turchia è sharia ISIS! #Obama chiede l'approvazione del Congresso di dedicare 500$ milioni per sostenere opposizione armata siriana "Terroristi Moderati, come parte della sua strategia di combattere #ISIS.
=============================
Barzelletta SHaria: L'Arabia Saudità sharia in queste ore, ospita riunione "lotta al terrorismo saria" guidata dagli USA: i sacerdoti di satana, con la partecipazione di 10 paesi arabi: terroristi sharia.
#Cina: La lotta al terrorismo deve essere parte di uno sforzo collettivo, nel quadro del diritto internazionale e rispetta sovranità di stati secondo la carta #Onu. #ArabiaSaudita: #Kerry si fa beffe della #Russia: Come ha osato parlare di diritto internazionale dopo quello che è successo in Crimea. prima il Ministero degli Esteri della Russia ha dichiarato: Combattere #ISIS dovrebbe rispettare il diritto internazionale e la sovranità della #Siria. #ArabiaSaudita: #Kerry: Se vogliamo, le avanzate difese aeree siriane non ci impediranno di agire in #Siria, lo ha detto ai giornalisti nella conferenza stampa al termine della riunione regionale a Jeddah sulla "Lotta al Terrorismo" #ISIS. Gli #USA annunciano: l'Arabia Saudità è pronta ad addestrare l'opposizione armata "Terroristi moderati" in campi d'addestramento sui propri territori #Homs: Le autorità competenti sequestrano un'auto carica di 20.000 pillole stupefacenti Captagon, catturato l'autista confiscato il carico che viene dalla Turchia.
 #Siria, Il martirio di 2 cittadini, il ferimento di altri 20 nell'attacco terroristico con colpi di mortaio sul quartiere residenziale Salihya a #Damasco
https://www.facebook.com/video.php?v=753684091372055&set=vb.396319997108468&type=2&theater
#Siria, L'esercito avanza in sobborgo nord Hama, elimina molti terroristi nei pressi della località di Halfaya
Nuovi progressi sul terreno dell'esercito siriano a sud della città di Halfaya in sobborgo nord di #Hama in cui l'esercito ha riconquistato diversi siti appartenenti a seguito di feroci scontri con i vari fazioni di gruppi terroristici che avevano sostenuto colpi mortali che li ha messi nel caos per ore prima di ritirarsi dalla città, e riconoscere sui propri spazi sui social network il notevole progresso dell'esercito e i numerosi morti e feriti nelle loro file.
Dall'altra parte numerosi terroristi sono stati neutralizzati a Tel Samsam nella vicinanza di Tel Nassiriya uno delle colline della località rocca forte dei terroristi fronte islamico, Tybet Al-Imam in periferia nord di Hama. Giornalista di campo
==========================
Benjamin Netanyahu - non si sostituiscono: i terroristi moderati, con i terroristi estremisti.. perché, non esistono estremisti terroristi moderati.. se, non avete le palle per risolvere il crimine della sharia nazi ONU, poi, rispettate Assad, perché, lui è meno peggio, di quello che esiste in tutta la LEGA ARABA! https://www.youtube.com/user/KingxKingdom2/discussion #Russia, Ministero Esteri: Qualsiasi attacco aereo all'interno del territorio siriano senza l'approvazione del governo siriano e il Consiglio di sicurezza sarà considerato aggressione. #Russia, Ministero Esteri: Combattere #ISIS dovrebbe basarsi sul rispettare del diritto internazionale e la sovranità della #Siria. La #Siria invita le aziende industriali bielorusse di aumentare gli investimenti e contribuire al processo di ricostruzione
Damasco, SANA - Il ministro dell'Industria Kamal-Eddin Touma ha discusso con l'Ambasciatore della Bielorussia a Damasco Alexander Ponomarev mezzi di rafforzamento della cooperazione industriale tra la Siria e la Bielorussia e stabilire progetti comuni.
I colloqui, che si sono svolte nel corso di una riunione il Giovedì, hanno toccato la possibilità della Bielorussia di partecipare al processo di ricostruzione post-crisi in Siria.
Benjamin Netanyahu -  [ certo, non esistono islamici moderti! TG 24 Siria ha condiviso un link. 8 minuti fa ] se non riuovono la sharia? la esistenza di ISraele.. non potrebbe sussistere!
+18+ Da Ricordare: Nel video gli antenati del #ISIS che #Obama vuole adesso sostenere come parte della strategia x combattere #ISIS che secondo lui sono MODERATI:
http://www.liveleak.com/view?i=349_1368354271
LiveLeak.com - Fsa terrorist cut out heart of Syrian soldier and eats it
www.liveleak.com
These vile creatures destroy Syria piece by piece. This is insanity. They are saying; 'We swear to god that we will eat your hearts and livers you soldiers or Bashar the dog.. We are the heroes of